Perdonanza, il significato dei tre principali figuranti

Dama della Bolla, Dama della Croce e Giovin Signore, i figuranti fulcro del corteo della Perdonanza celestiniana, non sono personaggi realmente esistiti, ma individuati nel tempo come simbolo della municipalità nel corteo della Bolla.

Corteo che ancora oggi ogni 28 agosto sfila per le strade della città, e coevo al rito del Perdono.

Sin dal suo primo apparire, ebbe la funzione di accompagnare solennemente la Bolla dell’indulgenza celestiniana dal Palazzo del Magistrato, l’odierno palazzo di Margherita d’Austria oggi sede del Comune, alla basilica di Santa Maria di Collemaggio, connotandosi per il forte valore sociale. E’ la storica dell’arte Giovanna Di Matteo, che cura la ricostruzione filologica del corteo e dei costumi, a spiegare il significato delle tre figure e del corteo che accompagna la Bolla.

L'autore

Marianna Gianforte
Giornalista professionista dal 2009, iscritta all'Albo dell'Ordine dei Giornalisti d'Abruzzo. Dopo la laurea in Culture per la Comunicazione all’Università dell’Aquila, frequenta un master in Giornalismo all'Università di Teramo. Collabora con il quotidiano regionale "Il Centro Spa" e Radio Delta. La scrittura e il giornalismo fanno parte della sua vita, come anche lo sport. Ama la corsa, la bicicletta e la montagna.

Sii il primo a commentare su "Perdonanza, il significato dei tre principali figuranti"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*