Pedaggi A24/A25: sindaci ricevuti nella Conferenza dei capigruppo

Pedaggi A24/A25: i sindaci che stanno portando avanti la battaglia contro il rincaro dei pedaggi ascoltati oggi nella conferenza dei capigruppo in Consiglio Regionale.

La Conferenza dei Capigruppo, riunitasi su proposta del presidente del Consiglio regionale d’Abruzzo, Giuseppe Di Pangrazio, il quale aveva partecipato alla manifestazione di sabato 13 gennaio a L’Aquila contro il rincaro dei pedaggi autostradali, ha ascoltato sulla questione i sindaci dei Comuni de L’Aquila, Pierluigi Biondi, e di Carsoli (L’Aquila), Velia Nazzarro, in rappresentanza degli altri sindaci, allo scopo di sollecitare necessarie misure di contrasto agli aumenti.  I due primi cittadini hanno ribadito la necessità di un massimo impegno dell’Istituzione regionale affinché si faccia carico del problema e si confronti con il ministero competente e col concessionario gestore della rete autostradale.  La Conferenza dei Capigruppo ha convenuto col Presidente Di Pangrazio circa l’urgenza di un livello più alto di coinvolgimento, che offra un sostegno collegiale al comitato spontaneo di sindaci e associazioni abruzzesi, che è già sceso in piazza per protestare contro il “caro autostrade”.

“E’ essenziale difendere il sistema autostradale abruzzese – ha sottolineato Di Pangrazio – non solo perché gli aumenti intaccano le economie dei lavoratori, dei pendolari e dei frequentatori abituali della della rete viaria ma, soprattutto, perché lo smisurato rincaro potrebbe fungere da deterrente al flusso turistico di cui l’Abruzzo ha vitale bisogno”.

Di Pangrazio ha infine espresso la volontà unanime della Conferenza di attivare iniziative presso il Ministro dei Trasporti e le altre Istituzioni coinvolte al fine di scongiurare l’aumento dei pedaggi. Ha inoltre accolto l’istanza del Consigliere Lorenzo Sospiri col l’inserimento al prossimo Consiglio regionale di una specifica interpellanza.

Sii il primo a commentare su "Pedaggi A24/A25: sindaci ricevuti nella Conferenza dei capigruppo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*