Patenti agli anziani, decide un solo medico

Dopo l’ennesimo incidente in cui ha perso la vita un 90enne che guidava contromano, al centro del dibattito c’è la normativa sui rinnovi biennali delle patenti agli anziani. Dal 2012 decide un solo medico e la commissione viene convocata soltanto per i casi più dubbi.

Un novantenne di Nereto che a bordo della sua Fiat Seicento, dopo aver percorso per circa sette chilometri la Teramo-mare in senso contrario, ha perso la vita schiantandosi contro la Volvo guidata da un 47enne imprenditore marchigiano è purtroppo solo l’ultimo di una serie di casi di incidenti stradali causati da auto contromano e sulla medesima superstrada la settimana scorsa, nella stessa giornata, la polizia stradale è intervenuta in due occasioni per bloccare auto alla cui guida c’erano anziani automobilisti. Ma casi del genere sono frequenti sulle strade e non solo in Abruzzo, regione che si contraddistingue per la longevità dei suoi abitanti.

Ma si chiedono in molti chi gli ha rinnovato la patente e perchè? Ci sono regole rigide nella conferma o meno della patente di guida? Lo abbiamo chiesto al direttore della delegazione Aci di Pescara Andrea Berardi il quale spiega che “Il decreto Semplifica Italia, in vigore dal 10 febbraio 2012, alleggerendo il lavoro delle commissioni mediche, per il rinnovo della patente di guida oppure del patentino per i ciclomotori, agli over 80 effettuare, dispone che sia un medico monocratico, ogni due anni, ad accertare se l’anziano è in grado di guidare o meno. Parlami dei medici delle sezioni di medicina legale delle Asl, degli ispettori medici delle Ferrovie dello Stato e dei medici militari. Se non sussistono indicazioni contrarie, gli accertatori rilasciano la valutazione medica di idoneità per il conseguimento, il rinnovo e la revisione della patente. Oltre che l’eventuale estensione a una categoria diversa”.

Il Servizio del Tg8:

https://www.youtube.com/watch?v=jjIPuTWE3ro

Rinnovo patente anziani: come funziona?

ogni 5 anni se il patentato ha tra i 50 e i 70 anni d’età

ogni 3 anni se il patentato ha tra i 70 e gli 80 anni d’età

ogni 2 anni se il patentato ha più di 80 anni d’età

Chi effettua la visita ?

Un medico Asl abilitato al rinnovo delle patenti,

Un medico militare in servizio effettivo;

Un medico dei Vigili del Fuoco o della Polizia di Stato;

Un ispettore medico dell’Ispettorato del Lavoro o delle Ferrovie;

Un medico privato autorizzato dalla Motorizzazione come quelli che operano presso le agenzie di pratiche auto, le agenzie ACI o le scuole guida.

Concludendo è bene sapere che:

È compito del medico che effettua la visita valutare l’eventuale rinvio dell’accertamento dei requisiti del patentato anziano alla commissione medica locale. Questa, secondo quanto dispone il Codice della Strada (articolo 119, comma 4, lettera d), può sottoporre a controlli più approfonditi i conducenti di qualsiasi età, ogni qualvolta l’esito degli accertamenti clinici, strumentali e di laboratorio faccia sorgere al medico dubbi circa l’idoneità e la sicurezza della guida.

Oltre a questa ipotesi, la visita di rinnovo patente resta di competenza della commissione medica locale, indipendentemente dall’età del conducente, in alcuni casi specifici indicati sempre dal CdS, in particolare dall’articolo 119 comma 4 e dall’articolo 115 comma 2.

In particolare, solo la commissione può valutare se concedere il documento di guida a mutilati e minorati fisici, persone affette da alcune patologie invalidanti per la guida, diabetici con patente superiore alla categoria B, conducenti sottoposti a provvedimenti di revisione della patente, conducenti over 65 di veicoli pesanti per il trasporto cose e di macchine operatrici e conducenti over 60 di veicoli pesanti per il trasporto persone.

Chi ha compiuto 80 anni di età deve rinnovare la patente ogni due anni, prima della scadenza prevista. Oppure dopo, ma in quel caso non può più guidare fino a rinnovo avvenuto. Il limite biennale si riferisce alle patenti AM, A1, A2, A, B1, B e BE. Il rinnovo patente si può fare presso la Motorizzazione Civile, una delegazione ACI o un’Autoscuola privata, prenotando in anticipo la visita medica per la verifica dei requisiti psichici e fisici, la stessa valida per gli automobilisti di ogni età. Il costo della visita varia a seconda della struttura prescelta (in Motorizzazione costa meno, in Autoscuola di più ma sono più rapidi).

È necessario portare con sé un documento d’identità, la tessera sanitaria con il codice fiscale, la patente in scadenza o scaduta e due fototessere. In più le ricevute dei versamenti di 10,20 euro sul c/c 9001 e di 16,00 euro sul c/c 4028. Se non sorgono complicazioni la nuova patente viene spedita a casa entro 15 giorni dalla data della visita medica. Infine se per gli over 80 c’è l’obbligo del rinnovo patente ogni due anni, fino a 50 anni il limite è di 10 anni. Poi da 51 a 70 anni scende a 5 e da 71 a 80 a 3.

 

Sii il primo a commentare su "Patenti agli anziani, decide un solo medico"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*