Parte da Teramo l’ecosciacquone

Niente più acqua potabile per gli scarichi dei WC: parte da Teramo l’eco-sciacquone.

Il comune di Teramo ha infatti stabilito che per le nuove costruzioni bisognerà utilizzare , tramite un sistema di depurazione,  acqua riciclata  per lo sciacquone. Una innovazione dove  Teramo è  capofila a livello regionale ed uno dei pochi comuni a livello nazionale, frutto di una battaglia portata avanti da circa 8 anni dall’associazione Arco Consumatori che sta lavorando per portare i comuni all’adeguamento di una legge regionale del 2009 mai applicata, volta ad ottenere un risparmio di 60 litri di acqua al giorno a famiglia che equivale a circa il 35 % del fabbisogno pro capite quotidiano.

L'autore

Federico Di Luigi
Nato a Teramo, iscritto all’albo dei giornalisti dal 2010, in questo anno inizia il lavoro di giornalista presso la redazione dell’emittente televisiva TVSei, nel 2012 entra a far parte come giornalista ed amministratore di un nuovo progetto editoriale “Latv dell’Adriatico” carica che a tutt'oggi ricopre. Dal 2013 lavora con Rete8 ricoprendo il ruolo di responsabile della redazione giornalistica di Teramo

Sii il primo a commentare su "Parte da Teramo l’ecosciacquone"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*