Parcheggi Chieti: protesta dei commercianti contro le multe

Protesta di Confcommercio e commercianti a Chieti dove è stata avviata una raccolta di firme contro le multe elevate dalla Polizia municipale.

Chiedono al Comune soluzioni e non multe i negozianti di Chieti Scalo e la Confcommercio che hanno avviato una petizione da consegnare al sindaco Umberto Di Primio. Lamentano che in viale Abruzzo, dallo stadio comunale alla stazione ferroviaria di piazzale Marconi, la Polizia municipale eleva troppe multe agli automobilisti che parcheggiano in divieto di sosta, anche per pochi minuti, penalizzando così le loro attività commerciali. Chiedono anche maggiore sicurezza nel parcheggio che si trova accanto alla stazione che, soprattutto nelle ore notturne, diventa terra di nessuno e rappresenta un pericolo per i cittadini. I commercianti e i residenti denunciano la presenza, nel parcheggio, di extracomunitari che si aggirano con fare minaccioso, tossicodipendenti in crisi di astinenza e doversi danni subiti dalla vetture in sosta. In particolare ad alcune auto sono stati squarciati i pneumatici.

Marisa Tiberio, presidente provinciale di Confcommercio afferma che “È vergognoso che in un momento così tragico per il commercio al dettaglio cittadino si continui a fare cassa a danno di una categoria già allo stremo delle forze. Siamo stanchi di essere scambiati per il bancomat del Comune. Comprendiamo tutto ma non è possibile continuare in questo modo. Urge una soluzione”.

La protesta dei negozianti è scaturita dopo una serie di controlli dei vigili urbani contro la sosta selvaggia nel tratto destro di viale Abruzzo.

La presidente Tiberio afferma che “È un’area non delimitata da parcheggi ma che da sempre viene utilizzata soprattutto dai commercianti della zona; non capiamo davvero i motivi di queste multe indiscriminate che spesso vengono comminate dai vigili urbani attraverso le foto delle targhe dei veicoli in sosta. Continuando così, è impossibile lamentarsi se gli utenti scelgono i parcheggi dei centri commerciali. In questo periodo siamo già costretti a cercare la clientela con il lanternino e non è accettabile anche essere vessati con multe continue”.

IL SERVIZIO DEL TG8:

 

LA REPLICA DELL’ASSESSORE COMUNALE MARIO COLANTONIO:

Il quotidiano lavoro svolto dalla Polizia Municipale avviene su tutto il territorio comunale e senza alcun presunto atteggiamento vessatorio nei confronti di taluni cittadini o categorie lavorative – precisa l’Assessore Colantonio -. Pertanto rigetto ogni tipo di accusa nei confronti degli agenti che adempiono al proprio dovere di far rispettare il codice della strada e il corretto e diligente comportamento sia delle vetture in transito che di quelle che sostano in modo irregolare, illegittimo e senza alcun rispetto delle regole. E’ facile, oggi, puntare il dito verso chiunque cerchi di riportare un po’ di ordine considerando che si va verso una società nella quale taluni preferiscono il libero arbitrio a danno di chi, invece, si comporta in modo corretto rispettando il vivere civile. Rammento ai commercianti – prosegue l’Assessore – che oggi, a detta della signora Marisa Tiberio, si fanno promotori di una petizione, che l’Amministrazione comunale solo qualche anno fa ha iniziato una politica di investimenti e di  valorizzazione della parte bassa della città che si è concretizzata anche in alcuni interventi sull’ex Tiburtina Valeria e, nello specifico, su viale Abruzzo dove gli stalli di sosta sono ben definiti e delineati sia per quanto riguarda la sosta gratuita che quella a pagamento.

L'autore

Gigliola Edmondo
Laureata in Lettere Moderne e in Giornalismo medico- scientifico con lode, è iscritta all’Ordine dei giornalisti, elenco Pubblicisti dal 1995. Esercita l’attività giornalistica dal 1985 occupandosi di cronaca, politica, economia, medicina, cultura e spettacoli. E’ appassionata di canto, musica, letteratura, cinema, teatro e pratica volontariato.

Sii il primo a commentare su "Parcheggi Chieti: protesta dei commercianti contro le multe"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*