Ospedale Chieti: Barelle in corsia a Medicina

Ospedale Chieti: Barelle in corsia a Medicina, la denuncia da parte del Tribunale del Malato che segnala scenari apocalittici all’undicesimo livello del SS Annunziata con una decina di pazienti, alcuni anche moribondi, lasciati nei corridoi.

Il reparto di Medicina che, con la nuova riorganizzazione sostituisce Geriatria a Chieti, ormai rischia il collasso, stando alle testimonianze del Tribunale del Malato che parla di degenti abbandonati su barelle di fortuna con cateteri penzolanti e pannoloni in bella vista:

“Siamo stanchi di denunciare sempre gli stessi problemi – scrive in una nota Mauro Massi presidente del Tribunale del Malato – i nostri uffici sono stati presi letteralmente d’assalto dai parenti degli anziani ricoverati, ma a ben poco sono servite le nostre segnalazioni alla Asl che continua a disinteressarsi del problema.”

dal canto suo la Asl deve fare i conti con la mancanza di spazi, in attesa che il reparto di dermatologia venga trasferito ad Ortona, ma intanto, specie nel periodo estivo, il reparto di Medicina si affolla sempre di più.

Guarda il servizio del Tg8:

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Ospedale Chieti: Barelle in corsia a Medicina"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*