Ortona: pugno duro contro chi sporca i parchi cittadini

Ad Ortona il Comune punisce chi non rispetta le aree verdi della città ed intensifica i controlli nei parchi. Multe da 50 a 500 euro per chi viene sorpreso a sporcare e deturpare l’ambiente.

Pugno duro da parte dell’Amministrazione comunale di Ortona, guidata dal sindaco Leo Castiglione, verso chi non rispetta l’ambiente. Sono previste multe che vanno da 50 a 500 euro per chi sporca e non rispetta le norme che regolano l’uso dei parchi. L’obiettivo principale dell’ordinanza firmata dal primo cittadino è quello di tutelare tutte le aree verdi ortonesi. A vigilare è la locale sezione delle Guardie ambientali d’Italia con controlli quotidiani sia nel parco Ciavocco, da poco inaugurato, che in altre zone come l’area verde del Castello Aragonese, il giardino Sala Eden, il giardino Porta Caldari, il parco giochi di piazza del Popolo, il giardino di via della Libertà, il parco giochi di Fonte Grande e quello di Villa Caldari .

Tra le regole da rispettare per esempio c’è l’assoluto divieto di “effettuare giochi con la palla (fatta eccezione per quella di spugna) nonché giochi che prevedano lanci di oggetti, giochi d’acqua, l’ uso improprio delle panchine sedendosi sullo schienale e collocando i piedi sulle sedute. L’ingresso dei cani nei parchi è consentito, purché transitino sulle passerelle, i percorsi realizzati e soprattutto se tenuti al guinzaglio dal proprietario. Divieto di abbandono di rifiuti al di fuori degli appositi contenitori per la raccolta”.

Sii il primo a commentare su "Ortona: pugno duro contro chi sporca i parchi cittadini"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*