Earthquake: 7 arresti. Tangenti per la ricostruzione a Bussi

corpo-forestaleauto

Tangenti nella ricostruzione del post terremoto 7 arresti nell’ambito dell’operazione “Earthquake” della Forestale. L’inchiesta è per tre appalti a Bussi.

Sono 7 gli arresti eseguiti in Umbria e in Abruzzo dal Corpo forestale nell’ambito dell’operazione “Earthquake” che ha colpito un sistema corruttivo sui lavori per la ricostruzione del post terremoto de L’Aquila. Gli arrestati sono pubblici ufficiali, tecnici progettisti ed imprenditori residenti nei Comuni di Perugia, Gubbio, Assisi, Pescara, Popoli e Bussi sul Tirino. Sono stati sequestrati 330.929,63 euro ritenuti profitto del reato di corruzione.Le indagini, coordinate dai sostituti procuratori della Repubblica di Pescara Anna Rita Mantini e Mirvana Di Serio, hanno preso il via dalle dichiarazioni rese alla Forestale da un imprenditore umbro, aggiudicatario di tre appalti del valore di 8 milioni di euro per la ricostruzione del Comune di Bussi sul Tirino. Il direttore dei lavori gli avrebbe chiesto una tangente pari al 12 % degli appalti,  960.000 euro, da dividere con altri tecnici coinvolti. Attraverso le intercettazioni telefoniche e ambientali, le perquisizioni operate dal Corpo forestale nelle sedi umbre delle societa’ di costruzione e le acquisizioni documentali negli uffici tecnici della ricostruzione del cratere sismico aquilano, oltre agli interrogatori di altri testimoni, hanno portato a scoprire un piano per gestire in modo “unitario e sistematizzato l’attivita’ edilizia sugli edifici danneggiati dal sisma del 6 aprile 2009”. Il metodo era l’aggiotaggio e la preventiva assunzione dei numerosissimi incarichi di progettazione per assumere una posizione di sostanziale monopolio degli appalti, anche corrompendo pubblici ufficiali, e per imporre “condizioni contrattuali capestro” tali da costringere le ditte edili a versare grosse somme di denaro per accedere al mercato degli appalti della ricostruzione. I reati contestati vanno dalla corruzione all’induzione a dare o promettere utilita’, alla turbata liberta’ degli incanti ,al  falso e l’associazione per delinquere.

RICOSTRUZIONE DEL MODUS OPERANDI :

Il buon esito dell’istruttoria per la richiesta del contributo pubblico sulla ricostruzione veniva garantito dal responsabile dell’Ufficio Tecnico numero 5 del Cratere Aquilano, il quale in cambio otteneva la promessa del versamento di importi pari al 5% del valore complessivo degli appalti, che superava i 29 milioni di euro solo considerando quelli gia’ gestiti dal gruppo degli indagati. Al funzionario inoltre venivano promessi ‘benefit’ come lavori edili gratuiti in un’abitazione di proprieta’, la disponibilita’ di un’auto e l’assunzione di un familiare in una delle ditte affidatarie dei lavori. Le dichiarazioni di un altro imprenditore umbro, che ha gia’ presentato richiesta di patteggiamento della pena, hanno convalidato l’impianto accusatorio facendo emergere che lo stesso capo dell’Ufficio Tecnico si era fatto distaccare presso un altro ufficio di un Comune limitrofo della provincia aquilana, secondo la Forestale per tentare di turbare la gara pubblica per la progettazione esecutiva ed esecuzione dei lavori di ricostruzione ex novo della scuola elementare e materna “V. Clemente”. Pertanto il suo guadagno sarebbe stato di 10.000 euro in contante con la promessa di ulteriori 130.000 euro. La somma sarebbe stata divisa con il responsabile unico di progetto della gara d’appalto, anche lui ora sottoposto agli arresti domiciliari. Gli investigatori del Corpo Forestale dello Stato hanno sequestrato negli uffici dell’Autorita’ per la ricostruzione dell’Aquila tutto il carteggio relativo ad altri Comuni del cratere, per verificare se il sistema corruttivo si sia esteso altrove.

Perquisizioni sono state eseguite in uffici e abitazioni degli arrestati sia in Umbria sia in Abruzzo per l’acquisizione di altro materiale probatorio.

 

Gli arrestati sono Angelo Melchiorre, 61 anni, di Bussi sul Tirino (Pescara). L’uomo e’ indagato nella qualita’ di responsabile tecnico del Comune di Bussi, dal primo agosto 2011 membro delle commissioni di gara del Comune di Bugnara (L’Aquila), nonche’ dal 17 maggio 2013 responsabile coordinatore dell’ufficio territoriale per la ricostruzione dell’area omogenea numero 5. Antonio D’Angelo, 47 anni, nato a L’Aquila e residente a Bussi sul Tirino finito nell’inchiesta in qualita’ di ‘rup’ (responsabile unico del procedimento) della gara per la progettazione esecutiva ed esecuzione dei lavori di ricostruzione ex novo della scuola elementare e materna “V. Clemente” di Bugnara (L’Aquila). Provvedimento custodiale anche per l’imprenditore Stefano Roscini, 49 anni, nato a Foligno e residente ad Assisi (Perugia); Giampiero Piccotti, 80 anni, nato a Gubbio (Perugia) e residente a Perugia; Angelo Riccardini, 55 anni, di Gubbio; Emilio Di Carlo, 54 anni, di Bussi sul Tirino implicato nella sua qualita’ di direttore dei lavori e progettista degli aggregati n. 43-45 del Comune di Bussi. Altro ordine di custodia cautelare per Marino Scancella, 65 anni, di Bussi sul Tirino quale architetto formalmente incaricato della progettazione dell’aggregato n. 30 del Comune di Bussi. I sette sono agli arresti domiciliari con il divieto di incontri e comunicazione con persone diverse da quelle che coabitano con loro per ragiono familiari. Il gip che ha disposto gli arresti e’ Gianluca Sarandrea.

LE PRIME PERQUISIZIONI ALL’UFFICIO SPECIALE E AL COMUNE DI BUSSI, CON I PRIMI DUE INDAGATI VI FURONO NEL’APRILE DEL 2015 (CLICCA QUI)

ALTRE PERQUISIZIONI VI FURONO NEI MESI SCORSI (CLICCA QUI)

Guarda il Servizio del Tg8:

 

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Earthquake: 7 arresti. Tangenti per la ricostruzione a Bussi"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*