Operazione Earthquake: in 6 davanti al Gip

Operazione Earthquake: in 6 davanti al Gip stamane al tribunale di Pescara per i consueti interrogatori di garanzia, non ci sarà D’Angelo rimesso in libertà. L’Architetto Melchiorre, l’ex colonnello Paciottisi e Di Carlo si sono avvalsi della facoltà di non rispondere.

Antonio D’Angelo, tecnico di 58 anni di Pratola, coinvolto suo malgrado da colui che é poi risultato essere il 12esimo indagato, l’architetto teatino Antonio Ciccarini, uno dei soci della Progetti Pa che ha redatto il bando di gara per i lavori alla scuola Clemente di Bugnara. Sarebbe stato lui a spacciarsi come D’Angelo al termine di un pranzo nel 2013, quando l’imprenditore umbro Alberto Cirimbilli, indagato in un procedimento parallelo, gli ha consegnato, secondo quanto affermato da lui stesso, una tangente da 5000 euro in pezzi da 100. L’equivoco si é chiarito dopo che Antonio D’Angelo ha prodotto alla magistratura le prove che che quel giorno era ricoverato in ospedale, da qui la decisione di rimetterlo in libertà. Restano dunque sei le persone sottoposte a misure cautelari, tra queste l’architetto Angelo Melchiorre, capo dell’Ufficio Territoriale per la ricostruzione 5, l’imprenditore umbro Stefano Roscini, l’ex colonnello 80enne di Perugia Giampiero Piccotti, l’altro imprenditore umbro Angelo Riccardini e i due tecnici di Bussi Emilio Di Carlo e Marino Scancella. Sotto particolare osservazione le deposizioni di Melchiorre e Roscini, il primo come elemento apicale, stando alla pubblica accusa, del meccanismo corruttivo legato agli appalti non solo per la scuola di Bugnara, ma anche per una serie di aggregati post sisma a Bussi, il secondo in quanto a capo del Consorzio Ges.com, società che sarebbe stata agevolata nell’affidamento dei lavori. Roscini, in particolare, dovrà anche chiarire al Gip, ma anche ai magistrati inquirenti Mantini e Del Bono,  il senso del biglietto trovato in una perquisizione domiciliare sul quale, in una sorta di lista , ci sarebbe la scritta “politica” e di fianco il numero 5.

Angelo Melchiorre, 61 anni di Bussi sul Tirino, ascoltato stamani dal Gip, si è avvalso della facoltà di non rispondere. L’Architetto si è inoltre dimesso dal suo incarico di Responsabile dell’Ufficio territoriale per la ricostruzione n.5. Anche alla luce delle dimissioni i suoi legali hanno chiesto la revoca dell’arresto.  Il suo difensore, l’avvocato Lino Sciambra, ha detto ai cronisti che Melchiorre si e’ dimesso dai suoi incarichi.

“Il mio assistito – ha detto Sciambra – non ha risposto solo perche’ non abbiamo ancora ricevuto le copie degli atti. Subito dopo saremo noi a chiedere alla procura di essere interrogati”. L’avvocato ha sostenuto che Melchiorre si e’ dimesso “perche’ la sua attuale posizione impedirebbe agli uffici di proseguire il proprio lavoro”. “Abbiamo chiesto – ha aggiunto l’avvocato- la revoca degli arresti domiciliari poiche’ i fatti contestati si riferiscono agli anni 2010, 2012 e 2013 e anche alla luce delle dimissioni di oggi decade il rischio di inquinamento delle prove o di reiterazione del reato”. Melchiorre e’ apparso provato e in lacrime. “Le sue condizioni di salute- ha detto Sciambra- non sono ottimali e un attimo di cedimento appare conprensibile”.

Anche l’ex colonnello dell’Esercito Giampiero Piccotti, 80 anni, nato a Gubbio e residente a Perugia, e Emilio Di Carlo, 54 anni, di Bussi sul Tirino, si sono avvalsi della facolta’ di non rispondere. I due, indagati nell’ambito dell’inchiesta, denominata “Earthquake”, che ha portato alla luce presunte tangenti per gli appalti legati alla ricostruzione post-sisma a Bussi e Bugnara, hanno preferito non rispondere alle domande del gip del Tribunale di Pescara, Gianluca Sarandrea. Di Carlo ha pero’ rilasciato una dichiarazione spontanea:

“Mi professo innocente – ha detto al gip – Non posso parlare perche’ non conosco le carte”. All’interrogatorio di garanzia dei sei arrestati sono presenti anche le pm Anna Rita Mantini e Mirvana Di Serio.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Operazione Earthquake: in 6 davanti al Gip"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*