Operaio morto alla Pilkington: In India un orfanotrofio a sua memoria

Operaio morto alla Pilkington: In India un orfanotrofio a sua memoria. La struttura, costruita dall’associazione che porta il nome del giovane operaio Michele Mastrippolito morto nel 2012 in un incidente sul lavoro all’interno della Pilkington di San Salvo.

A distanza di soli quindici mesi dalla posa della prima pietra l’edificio, che può ospitare fino a cinquanta bambini, é stata inaugurata ieri nella cittadina di Hyderabad, in India. Attualamente l’orfanotrofio ospita 25 orfani assistiti dai Fratelli Monfortiani di San Gabriele e potranno studiare ed essere accompagnati fino al loro inserimento nel mondo del lavoro:

“Un particolare ringraziamento – hanno dichiarato i familiari di Michele Mastrippolito – va al fratello Matthew Kuvankal che ha seguito passo passo i lavori per la realizzazione dell’orfanotrofio.”

E’ comunque ancora possibile fare donazioni all’associazione “Amici di Michele Mastrippolito Onlus”, con offerte libere o devolvendo il 5X1000.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Operaio morto alla Pilkington: In India un orfanotrofio a sua memoria"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*