Omicidio Neri: il cugino chiarisce la sua posizione in Procura

Già archiviata da tempo la pista famigliare, gli inquirenti hanno voluto comunque ascoltare il cugino di Alessandro Neri, Gaetano Lamaletto.

È stato ascoltato in Procura, a Pescara, dai Carabinieri e dal sostituto procuratore titolare del fascicolo, Gaetano junior Lamaletto, cugino di Alessandro Neri, il 29enne ucciso a colpi di arma da fuoco e trovato morto giovedì 8 marzo in un canale alla periferia Sud di Pescara. Nell’ambito delle indagini, i carabinieri di Pescara inizialmente si erano soffermati sui rapporti tra la famiglia Neri e la famiglia Lamaletto, quella della madre del giovane, rovinati da questioni societarie relative alla gestione dell’azienda vitivinicola di famiglia ‘Il Feuduccio’. Proprio alla famiglia Lamaletto, nelle settimane successive al delitto, erano state sequestrate due automobili. Il cugino del 29enne dopo l’omicidio era partito per l’estero e gli investigatori attendevano il suo ritorno per poterlo ascoltare. Stamani, si è appreso, ha chiarito in modo lineare i rapporti con Neri e tra le due famiglie. Al momento, a circa un mese e mezzo dall’omicidio, continuano a non esserci indagati. Gli investigatori lavorano incessantemente sul caso e non escludono nessuna pista, anche se ora ci si sta concentrando soprattutto sui giri economici del ragazzo.

Sii il primo a commentare su "Omicidio Neri: il cugino chiarisce la sua posizione in Procura"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*