Omicidio Jennifer: iniziate le perizie psichiatriche su Troilo

Sono iniziate a Pescara le perizie sullo stato di salute mentale di Davide Troilo accusato di aver ucciso la ex fidanzata Jennifer Sterlecchini.

Nel carcere di San Donato a Pescara, questa mattina, sono iniziate le perizie per accertare lo stato di salute mentale di Davide Troilo, il trentatreenne accusato di aver ucciso a coltellate la ex fidanzata Jennifer Sterlecchini. Deve rispondere delle accuse di omicidio volontario pluriaggravato nei confronti della ventiseienne pescarese morta il 2 dicembre del 2016. I primi colloqui sono durati circa un’ora e mezza, alla presenza del perito nominato dal giudice il professor Massimo Di Giannantonio, ordinario di Psichiatria all’università d’Annunzio di Chieti-Pescara, della consultente del pm Rosalba Trabalzini, psichiatra, psicologo e neurologo, e della consulente della difesa, la psicologa Gloria Colabufalo. Secondo la difesa  Troilo, al momento dell’omicidio, era solo parzialmente capace di intendere e di volere. Saranno le perizie ad accertare quale fosse lo stato di salute mentale dell’imputato quando ha compiuto il delitto. Gli esperti avranno 70 giorni di tempo per consegnare le relazioni, che saranno discusse in aula, nel tribunale di Pescara, il prossimo 24 gennaio, davanti al gup Nicola Colantonio.

1 Commento su "Omicidio Jennifer: iniziate le perizie psichiatriche su Troilo"

  1. Ecco perchè la magistratura, già incapace e scadente per conto suo, ammassa i processi per dopo non riuscirli a risolvere! Non si sa perchè il giudice in questione stia perdendo tempo a vedere le forme di pazzìa dell’imputato, o se era capace di intendere e volere nel momento dell’uccisione della povera Jennifer! E’ colpevole…quindi ergastolo, ma vero ergastolo a vita per l’imputato!Tanto vedrete che con la magistratura tengo a dirlo incapace di dare un verdetto giusto, non che riporti in vita la vittima, ma almeno possa riposare perchè giustizia è stata fatta!, andrà tutto a tarallucci e vino: povero chi è morto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*