Omicidio imprenditore Tortoreto: l’immagine del killer

Potrebbe essere l’immagine dell’omicida dell’imprenditore di Tortoreto quella dell’ uomo ripreso da una telecamera .

Potrebbe essere l’immagine ripresa da una telecamera a svelare il mistero sulla morte di Demetrio Di Silvestre, il piastrellista 56enne di Tortoreto ucciso e bruciato ad Ascoli Piceno. Un fotogramma sgranato nella notte del delitto è l’immagine catturata da una telecamera che  immortala un uomo che esce dall’auto  dell’artigiano, la Bmw trovata nel parcheggio di un centro commerciale  di Porto Sant’Elpidio. L’ombra del presunto assassino o di un complice rappresenta un tassello che potrebbe rivelarsi importante  nell’indagine complessa che vuole accertare come sia morto un uomo da tutti ritenuto  padre e marito  tutto casa e lavoro. Di Silvestre martedì ha salutato la moglie dicendo di avere un appuntamento a San Benedetto del Tronto . Nel frattempo è svanito nel nulla senza portarsi  il telefono cellulare che è rimasto a casa. Da quell’apparecchio arriveranno solo i tabulati telefonici, che restano fondamentali per capire con chi l’uomo abbia parlato negli ultimi giorni. L’attenzione dei carabinieri è concentrata soprattutto su quel fotogramma del parcheggio. Quell’uomo sconosciuto che esce dalla macchina dell’artigiano fa intuire che a quell’ora Di Silvestre forse era già morto. E’ stato il Gps dell’auto  a permettere  di ritrovare la macchina e di stabilire con certezza che martedì 15 è stata sul monte dell’Ascensione dove il corpo dell’artigiano è stato bruciato. Gli investigatori non escludono che l’uomo possa essere stato ucciso altrove e poi portato in quella zona impervia alle porte di Ascoli. La Bmw  è all’esame del Ris. I militari dell’Arma stanno passando al setaccio anche i conti correnti dell’uomo per capire se la pista economica possa essere il movente dell’omicidio.

Sii il primo a commentare su "Omicidio imprenditore Tortoreto: l’immagine del killer"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*