Omicidio Di Marco: pena ridotta a 16 anni per Cipressi

La Corte d’Assise d’Appello de L’Aquila ha ridotto oggi da 30 a 16 anni la condanna inflitta in primo grado a Emanuele Cipressi per l’omicidio di Fausto Di Marco.

Pena quasi dimezzata per il ventiseienne teatino accusato dell’omicidio di Fausto Di Marco, il musicista di 39 anni ucciso, la notte del 9 ottobre del 2016 , con un coccio di vetro alla gola davanti al Circolo ” Tre Assi” di Chieti Scalo, al culmine di una lite scaturita da futili motivi.

A Emanuele Cipressi, difeso dall’avvocato Giancarlo De Marco, i giudici della Corte d’ Assise d’Appello de L’Aquila hanno riconosciuto, così come chiesto dal difensore, le attenuanti generiche equivalenti alle aggravanti contestate, ovvero i futili motivi, la minorata difesa della vittima che aveva bevuto troppo e l’uso di un mezzo insidioso ovvero il coccio di vetro di una bottiglia per commettere l’omicidio. Il procuratore generale aveva chiesto la conferma della condanna di primo grado.

Il 25 settembre del 2017 in primo grado Cipressi era stato condannato con il rito abbreviato, a 30 anni, senza attenuanti e con la sola diminuente prevista dal rito, dal giudice del Tribunale di Chieti Isabella Maria Allieri.

Sii il primo a commentare su "Omicidio Di Marco: pena ridotta a 16 anni per Cipressi"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*