Ombre Bulgare Pescara: arrestata la mente dell’organizzazione

TODOROV

Nell’ambito dell’operazione “Ombre bulgare” a Pescara è stato arrestato il leader dell’organizzazione dedita allo sfruttamento della prostituzione in città.

Nell’ambito dell’operazione denominata “Ombre bulgare” a  Pescara i carabinieri del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo del Comando Provinciale, in collaborazione con il personale del Reparto Prevenzione Crimini Abruzzo della Questura, hanno rintracciato e arrestato Milodinov Todor Todorov,  mente del sodalizio di cittadini di nazionalità bulgara responsabili di sfruttamento della prostituzione con aggravante della trans nazionalità. Il pregiudicato si era sottratto alla cattura e da alcuni mesi era irreperibile in ambito internazionale per gli stessi reati commessi in vari Stati Europei. L’uomo è stato rintracciato la scorsa notte nei pressi della Stazione ferroviaria  di Pescara, località dove  è giunto dalla Spagna per ricongiungersi con alcuni familiari. Secondo gli investigatori  il cittadino bulgaro potrebbe essere tornato in Italia a causa della costante pressione esercitata dalle ricerche sviluppate anche con gli organi della cooperazione internazionale, che hanno neutralizzato i supporti logistici nei suoi spostamenti.

L'autore

Gigliola Edmondo
Laureata in Lettere Moderne e in Giornalismo medico- scientifico con lode, è iscritta all’Ordine dei giornalisti, elenco Pubblicisti dal 1995. Esercita l’attività giornalistica dal 1985 occupandosi di cronaca, politica, economia, medicina, cultura e spettacoli. E’ appassionata di canto, musica, letteratura, cinema, teatro e pratica volontariato.

Sii il primo a commentare su "Ombre Bulgare Pescara: arrestata la mente dell’organizzazione"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*