Nuovo Ospedale, no a Piano D’Accio si a Mosciano

Si è presentato in maniera ufficiale il neo comitato denominato “Un ospedale centrale provinciale” composto da medici farmacisti, amministratori e liberi cittadini.

Costituitosi per presentare delle alternative alla location per il nuovo ospedale provinciale ad oggi ipotizzato per la costruzione, da parte della Asl, nella frazione del comune di Teramo di Piano D’Accio. Il neo comitato ha presentato l’area che a suo dire sarebbe ottimale per la costruzione del nuovo ospedale teramano da 660 posti letto. Un’area a ridosso sia dello svincolo autostradale di Mosciano che della Teramo Mare e che risponderebbe a tutti i parametri necessari sia dal punto della logistica che di spazio necessari alla nuova struttura. Un comitato aperto alla libera adesione di tutti i soggetti provinciali, pubblici e privati, singoli cittadini, associazioni: è questa la natura del sodalizio nato per contribuire alla discussione sulla realizzazione di un nuovo ospedale provinciale al servizio di tutti  ed alla riorganizzazione dell’intera rete sanitaria provinciale.

“L’obiettivo primario è quello di aprire una discussione seria e argomentata, non improntata sui campanilismi sterili, in merito all’opportunità per la nostra Provincia di dotarsi finalmente un nuovo presidio ospedaliero di qualità, al servizio di tutta la popolazione e che possa essere fulcro attrattore di mobilità attiva limitando l’esodo sanitario che affligge ormai da decenni il nostro territorio”.

https://www.youtube.com/watch?v=OSr01jxGeog

Sii il primo a commentare su "Nuovo Ospedale, no a Piano D’Accio si a Mosciano"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*