No Triv: “Regione Abruzzo contro Referendum davanti Consulta”

no-triv

“La Regione Abruzzo si è costituita in giudizio dinanzi la Corte Costituzionale contro le altre 9 Regioni per chiedere che il Referendum sia dichiarato inammissibile”, lo sostiene il Coordinamento No Triv.

Il Coordinamento No Triv all’attacco della Regione Abruzzo, parlando di “atto squadrista e potenzialmente eversivo” da parte della stessa.

“Ieri la notizia del ritiro della delega al professor Mangiameli da parte del delegato Lucrezio Paolini – scrivono dal Coordinamento No Triv – su decisione della Giunta Regionale e senza che il Consiglio Regionale ne fosse al corrente. Oggi si apprende inoltre che:

– la Regione Abruzzo si è costituita in giudizio dinanzi alla Corte costituzionale contro le altre 9 Regioni e a sostegno del Governo per chiedere che il Referendum No Triv sia dichiarato inammissibile;
– il delegato regionale si si è costituito in giudizio dinanzi alla Corte costituzionale, a nome del Consiglio regionale senza che il Consiglio abbia mai deliberato al riguardo.

Quindi il prossimo 19 gennaio davanti alla Corte si troveranno, da un lato, il Governo e la Regione Abruzzo e, dall’altro, le 9 Regioni.

Qui non siamo semplicemente di fronte al tradimento, di per sé grave, irresponsabile e censurabile, del Referendum No Triv ma ad un duplice atto di cui non può sfuggire la natura violenta e potenzialmente eversiva, al cospetto del quale – conclude il Coordinamento No Triv – le forze sinceramente democratiche, al netto della diversità di opinioni sull’oggetto del Referendum, non possono rimanere inerti.”

 

“Apprendiamo da L’Unità del 12 gennaio – dichiara il Prof. Enzo Di Salvatore, costituzionalista e cofondatore del Coordinamento Nazionale No Triv – che secondo il il Presidente del Consiglio «c’è una sospensiva per le perforazioni entro le 12 miglia». Riteniamo questa fonte più autorevole di ogni altra e rivelatrice, oltre ogni dubbio, delle reali intenzioni del Governo. Il rigetto delle istanze di ricerca e delle concessioni di coltivazione entro le 12 miglia non è mai rientrato nei piani del governativi: diversamente i nostri emendamenti alla Legge di Stabilità non sarebbero stati bocciati. Così, in due mosse, il Governo impedisce che la volontà popolare possa esprimersi: prima modifica la norma e poi la lascia morire in fondo ai cassetti del MISE”.

Guarda il video:

 

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "No Triv: “Regione Abruzzo contro Referendum davanti Consulta”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*