‘Ndrangheta in Abruzzo: giudizio immediato per 31 imputati

‘Ndrangheta in Abruzzo: giudizio immediato per 31 imputati nell’ambito della maxi operazione dello scorso febbraio della Dia de L’Aquila.

Il Tribunale di Chieti ha disposto oggi la notifica del decreto che dispone il giudizio immediato nei confronti di 31 persone imputate a seconda delle posizioni con accuse di associazione per delinquere di stampo mafioso finalizzata al traffico di cocaina che dalla Lombardia arrivava in Abruzzo ed a Francavilla al Mare da dove poi veniva spacciata, all’usura, estorsione, attentati incendiari e danneggiamento, reimpiego di denaro di provenienza illecita in attività economiche e intestazioni fittizie. La notifica del decreto dovrà avvenire anche a tutti i difensori. L’inchiesta, condotta dai carabinieri e coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia dell’Aquila, nello scorso febbraio portò a 19 arresti, al sequestro di società che gestivano commercio di auto on line e raccolte di scommesse, bar, pizzerie, e di quote per 6 milioni di euro di una società proprietaria di un villaggio turistico in Calabria. Il decreto che fissa il giudizio immediato è stato emesso a luglio scorso dal gip del Tribunale de L’Aquila Giuseppe Romano Gargarella, ma oggi nel corso dell’udienza molti difensori degli imputati, a cominciare dall’avvocato Goffredo Tatozzi, fra l’altro eccepito la tardività del decreto, meno di un mese se si considera il periodo di ferie estive fra il deposito e l’udienza in Tribunale, un lasso di tempo che non ha permesso di prendere in esame le circa 15.000 pagine di atti processuali. Il Tribunale ha dunque rinviato l’udienza al prossimo 19 dicembre e si è riservato la pronuncia sulle altre eccezioni. A capo dell’associazione, un gruppo di stampo ‘ndranghetistico, c’è il calabrese Simone Cuppari per il quale si procede separatamente e che era fra i destinatari a febbraio dell’ordinanza di custodia in carcere. Gli imputati, molti dei quali oggi in Tribunale a Chieti non si sono presentati, sono i calabresi Giuseppe Cricelli, Alessandro Cuppari, Giuseppe Lopresti, Antonio Mesiano, Pasquale Mileto, Antonietta e Costantino Misiano, i pescaresi Paolo Arena, Sergio Ciuffetelli, Luca Ciuffetelli e Paolo Ciuffetelli, Antonio Di Rocco, Paolo Manzo, Francesco Paolini, Maurizio Sarno, Davide Sini, Elena Spinelli, Guido Spinelli e Lino Spinelli. Imputati anche lombardi Felice Arrigoni che risiede in provincia di Milano, Joana Mileto, Tania Mileto, Massimiliano Toti, Vincenzo Pantalone e Tonino Ballone che risiedono a Francavilla al Mare, Angelo Traina della provincia di Pavia, il palermitano Maurizio Spataro, Letterio Greco residente in provincia di Lodi, Giuseppe Cuomo che risiede a Ortona, Rocco Sanvitale di Torrevecchia Teatina, la croata Durdica Margeta e l’albanese Enea Nelo.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "‘Ndrangheta in Abruzzo: giudizio immediato per 31 imputati"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*