Nasce disabile la Asl di Teramo paga un milione

asl-teramoasl-teramo

Il tribunale ha condannato la Asl di Teramo al pagamento di un milione di euro. Un risarcimento per un bimbo, oggi ragazzo, che alla nascita ha avuto una sofferenza fetale non diagnosticata che lo ha reso disabile.

Un bambino nato con una encefalopatia per una sofferenza fetale non diagnosticata in tempo all’ospedale di Sant’Omero e, dopo anni di battaglie legali, i familiari hanno ottenuto un risarcimento economico. Il tribunale ha condannato la Asl di Teramo al pagamento di un milione di euro. Oggi quel bimbo è adolescente, ha 14 anni, ed è accudito dai genitori. Tutto è iniziato nel 2002 quando la madre ,arrivata alla trentanovesima settimana di gravidanza, venne ricoverata all’ospedale di Sant’Omero. Non aveva avuto problemi evidenti prima e tutto sembrava andare per il meglio. Quando avvenne il ricovero era stata rilevata una tachicardia del feto ma , secondo l’accusa, i medici non avevano disposto alcun approfondimento. Il giudice ha riconosciuto il danno biologico e patrimoniale. La famiglia ora attende il risarcimento economico, ma nulla , dicono i parenti , potrà mai risarcire l’odissea che dalla nascita del bimbo fino ad oggi  hanno vissuto e ciò che vivranno negli anni futuri.

L'autore

Gigliola Edmondo
Laureata in Lettere Moderne e in Giornalismo medico- scientifico con lode, è iscritta all’Ordine dei giornalisti, elenco Pubblicisti dal 1995. Esercita l’attività giornalistica dal 1985 occupandosi di cronaca, politica, economia, medicina, cultura e spettacoli. E’ appassionata di canto, musica, letteratura, cinema, teatro e pratica volontariato.

Sii il primo a commentare su "Nasce disabile la Asl di Teramo paga un milione"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*