Musei archeogici Chieti: prosegue la rassegna “ArcheoArterie”

Aperture serali del giovedì nei museo archeologici di Chieti dalle 20.00 alle 23.00. L’iniziativa va avanti con successo fino al 31 di maggio.

Prossimo appuntamento giovedì 10 maggio a “La Civitella” con l’evento “Maggio e i culti della fertilità: la Dea di Rapino”. Al mese di maggio sono legate da sempre feste e ricorrenze religiose collegate alla fertilità della terra e alla figura ancestrale della Dea Madre. La serata, nello specifico, é dedicata alla dea della fertilità del popolo dei Marrucini, la Dea di Rapino, e alla storia del territorio aspro e selvaggio delle montagne circostanti:

“Sarà un’occasione per approfondire insieme alcuni aspetti delle sopravvivenze dei culti pagani sino ai nostri giorni e per scoprire racconti e leggende dell’entroterra marrucino – si legge nella nota degli organizzatori – Saranno esposti i costumi tradizionali ed alcuni documenti sulla Processione delle Verginelle che si tiene ogni anno a Rapino l’8 di maggio”

Le porte si apriranno alle 20.00, ingresso solo 2 euro. L’iniziativa del Polo Museale dell’Abruzzo e dell’associazione “Oltremuseo” con il patrocinio del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Musei archeogici Chieti: prosegue la rassegna “ArcheoArterie”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*