Multopoli San Salvo: Corte dei Conti chiede 66 mila euro

corte dei conti

Multopoli San Salvo: Corte dei Conti chiede 66 mila euro alle tre persone indagate per una presunta gestione delle multe clientelare e truffaldina.

Multopoli San Salvo: Corte dei Conti chiede 66 mila euro. La Procura contabile de L’Aquila ha chiesto la condanna a risarcire l’erario per  l’ex comandante della Polizia municipale Benedetto Del Sindaco, il maresciallo Carmela Felice e l’agente Angela Monaco. Sono accusati di associazione per delinquere, peculato, falso, abuso d’ufficio, accesso abusivo al sistema informatizzato del Pubblico registro automobilistico, minaccia a pubblico ufficiale e violenza a terzi soggetti a conoscenza dei fatti. La vicenda risale al 2013 quando la Guardia di Finanza ed il Nucleo tributario effettuarono controlli negli uffici del Comando della Polizia municipale per acquisire documenti . Le tre persone finite sotto inchiesta e agli arresti domiciliari avrebbero omesso la riscossione in tutto o in parte di somme dovute al Comune per sanzioni amministrative elevate per violazioni al codice della strada. Avrebbero creato atti falsi in cui risultavano pagate somme su conti correnti inesistenti, modificato gli importi delle sanzioni e si sarebbero appropriati del surplus oppure avrebbero permesso alle persone multate di non pagare le contravvenzioni. Secondo l’accusa i tre avevano creato un vero e proprio sistema di gestione personalizzata delle multe in città; la Corte dei Conti ha pertanto chiesto la condanna a risarcire 66 mila euro all’Erario.

L'autore

Gigliola Edmondo
Laureata in Lettere Moderne e in Giornalismo medico- scientifico con lode, è iscritta all’Ordine dei giornalisti, elenco Pubblicisti dal 1995. Esercita l’attività giornalistica dal 1985 occupandosi di cronaca, politica, economia, medicina, cultura e spettacoli. E’ appassionata di canto, musica, letteratura, cinema, teatro e pratica volontariato.

Sii il primo a commentare su "Multopoli San Salvo: Corte dei Conti chiede 66 mila euro"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*