Morte Lorenzo Panichi: il giudice dispone una superperizia

Lorenzo Panichi, 14 anni, morì ad aprile 2015 nell’ospedale di Giulianova (Teramo), dove era stato portato in condizioni disperate dopo essere stato dimesso dal presidio ospedaliero di Sant’Omero (Teramo).

Una morte per la quale sono a processo due medici dell’ospedale Val Vibrata, che devono rispondere di omicidio colposo. Oggi il giudice Flavio Conciatori, al termine della seconda udienza, nella quale sono stati ascoltati diversi testi, ha disposto una super perizia. L’incarico sarà affidato nella prossima udienza fissata per il 12 giugno, quando il giudice nominerà propri periti per fare chiarezza sulle cause del decesso del 14enne. Ai due medici finiti a processo, il medico di pronto soccorso che visitò il ragazzino e la radiologa che si occupò del referto, la Procura contesta di non aver eseguito un corretto monitoraggio e un’adeguata valutazione del quadro clinico presentato dal quattordicenne al quale fu diagnosticata una polmonite, mentre era in corso una dissezione aortica. La famiglia, che si è costituita parte civile, è rappresentata dagli avvocati Paolo Foresta, Aldo Ambrogi e Piero Davide Sarti.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Morte Lorenzo Panichi: il giudice dispone una superperizia"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*