Montorio, ritardi all’U.T.R. 3 la protesta degli ingegneri

Questa mattina presso l’ U.T.R. 3 a Montorio al Vomano  si è svolto un incontro, ma soprattutto un confronto per fare il punto della situazione e denunciare la condizione di criticità in essere, proprio nell’uffizio territoriale della ricostruzione.

Una situazione che ha portato da tempo al blocco delle pratiche inerenti al post sisma del 2009 presenti nell’ U.T.R.  3, a cui inevitabilmente si va ad aggiungere la nuova situazione venutasi a creare  a seguito del sisma del 2016; un incontro fortemente voluto dall’ordine degli ingegneri di Teramo. Al confronto ha preso parte anche Paolo Esposito, responsabile ufficio speciale per la ricostruzione dei comuni del cratere di Fossa, che ha dato la sua massima disponibilità per chiudere nei prossimi mesi le pratiche del 2009.  Un elemento critico appare quello dell’organico dell’U.T.R., che risulta essere insufficiente per i comuni del cratere,  mentre uno dei fattori fondamentali, emerso durante l’incontro, è stato quello di aprire al più presto il più alto numero di cantieri per dare risposte alla popolazione e assicurare lavoro agli operatori.

L'autore

Federico Di Luigi
Nato a Teramo, iscritto all’albo dei giornalisti dal 2010, in questo anno inizia il lavoro di giornalista presso la redazione dell’emittente televisiva TVSei, nel 2012 entra a far parte come giornalista ed amministratore di un nuovo progetto editoriale “Latv dell’Adriatico” carica che a tutt'oggi ricopre. Dal 2013 lavora con Rete8 ricoprendo il ruolo di responsabile della redazione giornalistica di Teramo

Sii il primo a commentare su "Montorio, ritardi all’U.T.R. 3 la protesta degli ingegneri"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*