Montorio, la piscina torna nelle mani comune?

Continuano a scioperare in attesa dell’incontro in prefettura i 21 dipendenti della piscina comunale di Montorio al Vomano che da sabato 23 aprile hanno iniziato il presidio permanente fuori alla struttura.

I dipendenti sono stanchi della situazione visto che la “MSP Abruzzo”, la società che ha in gestione il complesso sportivo da numerosi mesi in alcuni casi anche 8 non paga gli stipendi ai lavoratori. Un situazione che si ripercuote su tutto il territorio provinciale visto e considerato che sono oltre 1300 gli iscritti inoltre la struttura ha anche un importante valenza sociale perché convenzionata per la riabilitazione.

Il sindaco di Montorio al Vomano Gianni Di Centa ha sottolineato l’impegno dell’amministrazione: “Abbiamo avviato la procedura di rescissione con la MSP ABRUZZO” in oltre la struttura ha una valenza sociale che va ben oltre i confini di Montorio, infatti ci sono convenzioni con i Comuni di Penna Sant’Andrea, Castellalto, Cermignano, Basciano, Torricella Sicura, Crognaleto, Isola del Gran Sasso e Teramo. Bisogna trovare una soluzione nell’immediato perché c’è il rischio concreto di deterioramento degli impianti causato dal protrarsi della chiusura che impedisce lo svolgimento  della manutenzione”.

Il Video:

[vimeo url=”video_url” width=”560″ height=”315″]

Sii il primo a commentare su "Montorio, la piscina torna nelle mani comune?"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*