Montesilvano: Fabrizi spedisce i pokemòn in Siria

Montesilvano: Fabrizi spedisce i pokemòn in Siria, il noto illustratore di Montesilvano sta facendo il giro del mondo con il suo Pikachu in lacrime tra le macerie di Aleppo.

Un’illustrazione senz’altro provocatoria per porre l’accento sulla tragedia della guerra in Siria con uno slogan altrettanto provocatorio – In Siria qualcuno ha scambiato i civili per Pokemòn – Dallo scorso 21 luglio l’illustrazione é diventata virale in rete al pari di un’iniziativa simile di un fotografo siriano Khaled Akil. Ma l’idea originaria é quella di Graziano Fabrizi che spiega le ragioni alla base di questa iniziativa:

“E’ un modo di risvegliare le nuove generazioni e di creare momenti di riflessione, con i Pokemòn spediti in Siria tra le macerie cerco di attirare l’attenzione dei più giovani sulla grande tragedia della guerra e su quanti civili stanno morendo sotto le bombe nel sanguinoso conflitto tra ribelli e fedeli di Assad.”

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Montesilvano: Fabrizi spedisce i pokemòn in Siria"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*