Montesilvano: Ex sindaco Cordoma assolto in 7 processi

Montesilvano: Ex sindaco Cordoma assolto in 7 processi, l’ultimo in ordine cronologico quello sull’Ato la cui sentenza é stata pronunciata giorni fa dal Tribunale di Pescara.

“Si é conclusa la mia vicenda giudiziaria dopo nove anni, sette processi, tante pagine di giornali, tanta sofferenza per me e per la mia famiglia, quando la mia persona veniva accostata alla parte più brutta e vergognosa della politica. La fiducia incrollabile nella giustizia e nelle istituzioni – dichiara ancora Pasquale Cordoma sindaco di Montesilvano dal 2007 al 2012 – e soprattutto la consapevolezza di poter sempre guardare negli occhi chiunque, senza mai dover nascondere nulla e di aver agito sempre per il bene della mia città, con l’amore e il sacrificio che hanno accompagnato la mia azione, mi hanno dato la forza per affrontare anche i momenti più difficili. In alcuni casi non ho rinunciato alla prescrizione non per paura, ma perchè sono una persona che non lancia le sfide, casomai le accetta per vincerle. Una cosa é certa – conclude Cordoma – senza questi nove anni la pagina di storia di Montesilvano forse sarebbe stata scritta in maniera diversa.”

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Montesilvano: Ex sindaco Cordoma assolto in 7 processi"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*