Mercato etnico Pescara: Fi chiede lo smantellamento

Voglia-di-Mercatino-aree-di-risulta-ex-stazione01 copy copy

Il mercato etnico di Pescara che si trova sulle aree di risulta per Forza Italia deve essere smantellato e gli ambulanti devono mettersi in regola.

Forza Italia interviene nuovamente sulla situazione del mercato etnico di Pescara chiedendo che sia smantellato e che gli ambulanti si mettano in regola e partecipino ad un bando per aggiudicarsi un posteggio nei mercati rionali cittadini.

In una nota il capogruppo del Partito in consiglio regionale Lorenzo Sospiri e il gruppo di Forza Italia in comune a Pescara si legge che ” sono mesi che Forza Italia chiede il rispetto delle regole sulla vicenda del mercatino degli extracomunitari sulle aree di risulta, parliamo di un mercatino di fatto abusivo, che occupa da anni un’area immensa senza alcun titolo, senza pagare un solo euro di tasse o canoni, per vendere merce per la maggior parte di origine contraffatta, quindi anche con una concorrenza sleale nei confronti dei commercianti che, a soli due passi, pagano tasse, imposte e fatturano i propri incassi. Quando in passato il centro-destra ha tentato di porre fine a questa situazione di evidente illegalità, ci siamo sempre dovuti scontrare con le accuse di razzismo che arrivavano dalla sinistra, sino all’ordinanza firmata dallo stesso sindaco Alessandrini lo scorso agosto, ordinanza arrivata dopo i mille solleciti e allarmi giunti dalle Forze dell’Ordine circa l’evidente situazione di abusivismo imperante in quel mercato. Poi a bloccare l’ordinanza è stato il Presidente-pigmalione Luciano D’Alfonso, accorso in tutta fretta a ricucire lo strappo tra il sindaco Marco Alessandrini e le varie frange della sua alleanza politica, che hanno apertamente contestato il sindaco. Ma ormai le pezze non reggono più: dopo qualche mese di tregua i problemi del mercatino abusivo si sono ovviamente riproposti in tutta la loro evidenza, tanto da rendere ormai inevitabile lo smantellamento di quell’area occupata senza alcun diritto, un’area, peraltro, destinata anche a ospitare la rampa che le Ferrovie dello Stato devono realizzare. Già nei giorni scorsi avevamo chiesto la convocazione di una seduta congiunta delle Commissioni Lavori pubblici-Commercio-Ordine pubblico e sicurezza, alla presenza anche dei vertici delle Ferrovie, per fare un punto della situazione, richiesta ovviamente ignorata dalla maggioranza consiliare, ma oggi comunque è arrivata la risposta. Il mercatino degli extracomunitari se ne deve andare e l’unica via percorribile è quella proposta da Forza Italia, e sostenuta, tra l’altro, da tutte le Associazioni di categoria, tra cui Confesercenti, Confartigianato, Confcommercio, ossia, via il mercato abusivo riservato, tutti gli ambulanti in regola con la legge e residenti legalmente in Italia dovranno partecipare a un bando per aggiudicarsi un posteggio libero nei vari mercati rionali all’aperto della città, ovvero dovranno sottostare alle stesse ferree regole degli ambulanti italiani. E ovviamente una volta ottenuto un posteggio regolare, dovranno pagare puntualmente l’occupazione del suolo pubblico, non potranno più vendere merce contraffatta e dovranno registrare i propri incassi, ovvero la déregulation è finita. In tutto questo leggiamo che l’assessore Giacomo Cuzzi tenta comunque di lasciare una porta aperta all’allestimento di un nuovo mercato riservato agli extracomunitari sotto il rilevato ferroviario, secondo noi una semplice affermazione di facciata per salvare capra e cavoli e tenere bassa la tensione politica all’interno della maggioranza. Dimentica però l’assessore Cuzzi che per procedere con tale intento, il Consiglio comunale dovrebbe approvare una variante al Piano regolatore vigente, ed è evidente che quella variante Forza Italia non la farà mai passare in Consiglio comunale. Inoltre per allestire quell’area a mercato il Comune ha chiesto 100mila euro di finanziamento alla Regione Abruzzo, una cifra che non è prevista in bilancio e che non consentiremo mai al Presidente D’Alfonso di carpire da chissà quale capitolo per destinarlo a un intervento inutile su Pescara. La Regione Abruzzo non ha fondi per allestire mercati volanti all’aperto, e mai permetteremo al Governatore di fare una qualunque variazione di bilancio in tal senso, pena una segnalazione immediata alla Corte dei Conti. Incassata la nostra vittoria, del resto la nostra proposta, dettata dal buon senso, era l’unica garante di legalità in ora però vogliamo conoscere i tempi inerenti lo smantellamento del mercato abusivo sulle aree di risulta: mercoledì ci sarà una nuova riunione per tentare di convincere i rappresentanti della comunità senegalese, ma seppure l’accordo non dovesse essere trovato, non accettiamo ulteriori ripensamenti che comunque esporrebbero il sindaco Alessandrini all’intervento di altre Autorità. Dal primo cittadino pretendiamo il ripristino della legalità in tempi brevissimi e vogliamo sapere quando spariranno i tendoni e i banchi di legno dalle aree di risulta”.

L'autore

Gigliola Edmondo
Laureata in Lettere Moderne e in Giornalismo medico- scientifico con lode, è iscritta all’Ordine dei giornalisti, elenco Pubblicisti dal 1995. Esercita l’attività giornalistica dal 1985 occupandosi di cronaca, politica, economia, medicina, cultura e spettacoli. E’ appassionata di canto, musica, letteratura, cinema, teatro e pratica volontariato.

Sii il primo a commentare su "Mercato etnico Pescara: Fi chiede lo smantellamento"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*