Martinsicuro, Veco, nuovo rischio chiusura

veco martinsicuro

Non c’è pace per la storica fonderia Veco di Martinsicuro, a rischio chiusura per problemi  di carattere ambientale.

Ora il problema è legato alla burocrazia che ha bloccato inizialmente e, poi per fortuna fatta ripartire, la produzione dell’azienda che ,ricordiamo, occupa oltre 80 dipendenti. La chiusura potrebbe arrivare perché manca l’autorizzazione edilizia, necessaria per dare il via ai lavori che servono per mettere in regola l’impianto, come da prescrizione AIA.L’autorizzazione non è stata ancora concessa perchè manca a sua volta  l’autorizzazione paesaggistica da parte della Sovrintendenza.

Marco Boccanera Fim Cisl spiega che  “L’azienda chiude e riparte per via della burocrazia, sembra “il gioco dell’oca”. E’ impossibile bloccare aziende che vogliono lavorare per dei cavilli. Prima si dà un’autorizzazione ambientale a fronte di adeguamenti a cui la ditta si è attenuta, ora esce un cavillo che chiama in causa alcuni beni paesaggistici e la produzione viene di nuovo fermata. Bisogna smetterla, va presa una decisione. la Veco deve chiudere o deve continuare a lavorare? Lo vogliono sapere gli oltre ottanta lavoratori e la comunità di Martinsicuro”.

Sii il primo a commentare su "Martinsicuro, Veco, nuovo rischio chiusura"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*