M5S sulle case agli sfollati: “sopravvalutato il prezzo dalla Regione”

M5S sulle case agli sfollati: La Regione potrebbe comprare molte più case agli abruzzesi se rispettasse il Decreto Legge sulla valutazione di congruità del prezzo convenuto.

L’annuncio dato qualche tempo fa di un investimento di circa 62 milioni di euro per l’acquisto di 427 appartamenti invenduti su tutto il territorio regionale da affidare agli sfollati e riscattare, una volta terminata l’emergenza, come edilizia popolare. Su queste cifre il gruppo consigliare del M5S in Regione, ed in particolare il consigliere Domenico Pettinari, ha svolto un approfondimento basandosi su quello che recita il Decreto Legge in materia, il quale stabilisce che la valutazione di congruità sul prezzo convenuto resa dall’Ente  deve far riferimento ai parametri di costo dell’edilizia residenziale pubblica e alle quotazioni dell’osservatorio del mercato immobiliare dell’Agenzia delle entrate. Servendosi proprio delle quotazioni dell’Agenzia delle entrate, tendendo al rialzo, proprio per non incorrere in contestazioni, Pettinari ha scoperto che:

“La stima, in base alla tabella dell’Agenzia delle entrate, per questi 427 appartamenti é di circa 45 milioni 700 mila euro, molti di meno, esattamente 16 milioni. Con questi soldi risparmiati la Regione potrebbe acquistare molti più appartamenti. Vogliamo capire se si é trattato di un errore da parte dei dirigenti o se alla base c’é qualcosa di più, anche per questo abbiamo presentato una serie di esposti alla Procura, alla Corte dei Conti, Anac, ma anche al Capo del Dipartimento di Protezione Civile che dovrà dire l’ultima parola.”

La Commissione Giudicatrice della Regione ha risposto, a precisa istanza di Pettinari, che non é stato possibile accertare la convenienza economica pioché é espressamente previsto che il prezzo offerto fosse omnicomprensivo di tutti gli oneri a carico dell’Amministrazione, tra questi oneri ad esempio le spese notarili:

“Ebbene ho verificato anche questo aspetto – precisa ancora Pettinari – ed ho scoperto che gli oneri ulteriori, in particolare le spese notarili, possano al massimo giungere ad un 3000 euro in più ad appartamento, ovvero circa un milione e 300 mila euro, e gli altri circa 15 milioni?”

C’é ancora il tempo per correggere il tiro?

“Senza ombra di dubbio – spiega ancora Pettinari – intanto attraverso il meccanismo dell’autotutela e poi sperando che la Protezione Civile, che dovrà firmare gli ultimi documenti prima di procedere con gli acquisti, si accorga di questo appesta e chieda, come stiamo facendo noi, chiarimenti.”

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "M5S sulle case agli sfollati: “sopravvalutato il prezzo dalla Regione”"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*