Legionella Chieti: disinfezione di tutto l’ospedale

Ospedale-Chieti-ss-Annunziata-Abruzzo-Notizie-2Ospedale-Chieti-ss-Annunziata-Abruzzo-Notizie-2

Disinfezione di tutto l’ospedale dopo la morte di una donna per legionella al Policlinico di Chieti. nessun allarme assicura i direttore medico Mariotti.

Dopo la morte di una donna per legionella al Policlinico di Chieti ora si procederà alla disinfezione di tutti i reparti dell’ospedale. C’è la massima attenzione assicura il direttore medico del nosocomio il dottor Giuseppe Mariotti che, dopo l’incontro con i responsabili dei dipartimenti sulla prevenzione della trasmissione della malattia al personale sanitario e ai pazienti , questa mattina ha effettuato un sopralluogo con la ditta incaricata della disinfezione dell’impianto idrico. Successivamente si procederà anche ai controlli del sistema di aerazione del Santissima Annunziata. “Contrarre la malattia è molto difficile poichè in contagio avviene respirando il microrganismo, che, com’è noto, prolifera e si concentra in ambienti acquatici dove c’è ristagno con temperature tra 32° e 45°, ragione che ne spiega la presenza in alcuni rubinetti” afferma il dottor Arturo Di Girolamo, referente infettivologo del gruppo operativo infezioni ospedaliere della Asl di Lanciano-Vasto-Chieti-Guardiagrele. La donna deceduta era affetta da tumore cerebrale e ricoverata in condizioni assai critiche in Rianimazione con febbre alta e diagnosi di polmonite. Dunque nessun allarme visto che i rischi sono bassissimi e i controlli serrati assicurano dalla direzione sanitaria dell’ospedale.

L'autore

Gigliola Edmondo
Laureata in Lettere Moderne e in Giornalismo medico- scientifico con lode, è iscritta all’Ordine dei giornalisti, elenco Pubblicisti dal 1995. Esercita l’attività giornalistica dal 1985 occupandosi di cronaca, politica, economia, medicina, cultura e spettacoli. E’ appassionata di canto, musica, letteratura, cinema, teatro e pratica volontariato.

Sii il primo a commentare su "Legionella Chieti: disinfezione di tutto l’ospedale"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*