Legambiente: 700 strutture off limits in Abruzzo

Il dossier, sia nazionale che regionale, di Legambiente sulle mancate demolizioni è stato pubblicato a settembre, molto prima della tragedia di Casteldaccia sul fiume Milicia. Molte le zone a rischio anche nella nostra Regione.

“Abbatti l’abuso – i numeri delle mancate demolizioni nei comuni italiani, questo il titolo del dossier di Legambiente pubblicato a settembre, in tempi, dunque, non  sospetti che fa una fotografia inquietante sulla situazione nel nostro Paese, ma anche nella nostra Regione. Ed il termine abusivo è fin troppo generico perché, come ci raccontano gli attivisti di Legambiente, anche in Abruzzo, ci sono molte case, stabilimenti o costruzioni in genere con tutte le carte in regola che sul piano burocratico non hanno nulla di abusivo, ma che basterebbe dare uno sguardo alla loro collocazione per comprendere a quanti rischi vanno incontro coloro che ci abitano o ci lavorano. I casi più eclatanti un’imponente struttura commerciale, a ridosso del fiume Pescara,  che vanta di tutte le autorizzazioni possibili, inimmaginabili ma che secondo gli ambientalisti non sarebbe mai dovuto sorgere così vicino al fiume. Le villette sulla spiaggia di Francavilla, molte trasformate in veri e propri ecomostri, altre che continuano a sorgere nell’indifferenza generale. Delle 724 strutture per cui è stata emessa ordinanza di demolizione, poi, solo 27 sono state di fatto abbattute, appena il 3,7%. Secondo il presidente di Legambiente Giuseppe Di Marco:

“Le istituzioni devono avere più decisionismo assicurando non la disponibilità di una casa abusiva, ma un alloggio regolare, di edilizia pubblica e realizzato secondo le più elementari regole costruttive che ne assicurino stabilità e sicurezza.”

IL SERVIZIO DEL TG8:

https://www.youtube.com/watch?v=H69EtJmr_5I

Sii il primo a commentare su "Legambiente: 700 strutture off limits in Abruzzo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*