Le Naiadi: lavoratori ancora in presidio davanti alle piscine

In attesa della riapertura del complesso Le Naiadi di Pescara, prevista entro la metà di giugno, i lavoratori continuano il presidio davanti alle piscine con la speranza di essere reintegrati dal nuovo gestore.

Nonostante la pioggia battente, anche oggi  i lavoratori del complesso Le Naiadi di Pescara sono in presidio davanti alle piscine per ricordare a tutti che l’impianto è ancora chiuso e che sono in attesa di conoscere il loro futuro occupazionale.Ieri  la cordata abruzzese della Pinguino & company si è aggiudicata la gestione temporanea della struttura che potrebbe finalmente riaprire i battenti entro metà giugno.

In rappresentanza dei lavoratori Piero Perna spiega che “Nella struttura, intanto, sono in corso i lavori per la riparazione del trasformatore, fuori uso da Venerdì Santo; la sistemazione di tubature rotte e per fine mese, inoltre, è previsto anche l’arrivo della nuova caldaia che dovrebbe consentire il ripristino definitivo dell’impianto di riscaldamento.

I dipendenti della struttura, assunti dalla fallita Progetto sport, attendono risposte in considerazione del fatto che nel bando per le offerte economiche non era stata inclusa la clausola di continuità occupazionale”.

Il Servizio del Tg8:

https://www.youtube.com/watch?v=H23f4Ex9qtg

Tra una decina di giorni l’aggiudicazione provvisoria diventerà definitiva e prevederà anche la gestione della struttura che potrà finalmente riaprire, salvo eventuali ricorsi che potranno essere presentati entro 35 giorni dall’aggiudicazione definitiva. La Pinguino nuoto avrà ora il compito di occuparsi della gestione temporanea per 18 mesi, quindi fino al 2020, anno in cui il project financing determinerà l’aggiudicazione pluridecennale dell’impianto.

 

 

Sii il primo a commentare su "Le Naiadi: lavoratori ancora in presidio davanti alle piscine"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*