Lavoro Abruzzo: chi molesta rischia il licenziamento

Chi molesta i colleghi sul posto di lavoro rischia il licenziamento. Il nuovo contratto degli statali dedica un capitolo ad hoc al Codice disciplinare.

In Abruzzo, come nel resto della Penisola, chi molesta i colleghi sul posto di lavoro rischia sanzioni che vanno dal semplice rimprovero verbale al licenziamento. La riforma firmata dal ministro Marianna Madia, appena entrata in vigore, prevede il pugno di ferro contro molestatori e corruttori che lavorano nella Pubblica Amministrazione. Rischia il licenziamento chi compie molestie sessuali così come chi prende e offre regali sopra i 150 euro in cambio di altri favori. Il dipendente sarà prima redarguito, con una sospensione dal servizio e dalla retribuzione che va dagli undici giorni a sei mesi, e poi se è recidivo rischia il posto di lavoro. Il pacchetto di misure verrà discusso martedì, nel tavolo di confronto tra sindacati e Aran. Da rilevare che, se è vero che sono in prevalenza le donne vittime di molestie nei luoghi di lavoro, anche gli uomini sono sempre più spesso oggetto di attenzioni “morbose” da parte di colleghe dai ” bollenti spiriti”.

uominimolestati

 

 

 

L'autore

Gigliola Edmondo
Laureata in Lettere Moderne e in Giornalismo medico- scientifico con lode, è iscritta all’Ordine dei giornalisti, elenco Pubblicisti dal 1995. Esercita l’attività giornalistica dal 1985 occupandosi di cronaca, politica, economia, medicina, cultura e spettacoli. E’ appassionata di canto, musica, letteratura, cinema, teatro e pratica volontariato.

Sii il primo a commentare su "Lavoro Abruzzo: chi molesta rischia il licenziamento"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*