L’Aquila: terrorismo, condannato Stefano Manni

manni

Il tribunale de L’Aquila ha condannato con l’accusa di terrorismo Stefano Manni il capo del gruppo politico clandestino “Avanguardia ordinovista”.

Con le accuse di associazione con finalità di terrorismo o di eversione dell’ordine democratico e associazione finalizzata all’incitamento alla discriminazione o alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi Stefano Manni, 49 anni, ascolano residente a Montesilvano è stato condannato dal gup del tribunale de L’Aquila Guendalina Buccella, con rito abbreviato, a 6 anni di reclusione. L’uomo, un ex carabiniere, è ritenuto il capo del gruppo politico clandestino «Avanguardia ordinovista», sgominato dall’operazione «Aquila nera», condotta in diverse regioni d’Italia (Abruzzo, Lombardia, Piemonte Lazio e Campania) dal Ros del carabinieri, che ha portato il 22 dicembre 2014 all’arresto di 14 persone, di cui 11 in carcere e 3 ai domiciliari. E’ stato assolto, invece, sempre con rito abbreviato, Franco Montanaro, 46 anni, nato a Roccamorice. Nell’inchiesta coordinata dall’allora procuratore antimafia e antiterrorismo, Fausto Cardella, oggi procuratore generale a Perugia, e dal sostituto Antonietta Picardi, altre 30 persone sono state indagate a piede libero. Nel luglio 2015 con giudizio immediato sono stati disposti i rinvii a giudizio di tutti gli accusati iniziali, in tutto 44 persone. Attualmente una ventina di persone è sotto processo a Pescara. Non tutti hanno le stesse accuse visto che molte di queste persone sono state inquisite solo per avere approvato su Internet i disegni eversivi dei più esagitati. Tra gli obiettivi del gruppo neofascista c’erano l’ex presidente della Repubblica Giorgio Napolitano , gli ex presidenti della Regione Abruzzo, Ottaviano Del Turco e Gianni Chiodi, la senatrice del Partito democratico Stefania Pezzopane, il vice sindaco dell’Aquila ed ex procuratore Nicola Trifuoggi e l’allora leader dell’Unione di centro Pier Ferdinando Casini.

IL COMMENTO DELLA PEZZOPANE – “La vicenda che emerge dall’operazione ‘Aquila nera’, condotta in diverse regioni d’Italia dai carabinieri del Ros e che ha portato alla condanna del gruppo ‘Avanguardia ordinovista’ da parte del tribunale dell’Aquila, è allucinante e gravissima. Un’associazione per delinquere, con un repertorio ispirato al nazismo e al terrorismo dell’estrema destra, con diversi esponenti abruzzesi, aveva pianificato una serie di agguati a varie personalità, tra cui la sottoscritta”. Lo dice la senatrice del Pd Stefania Pezzopane.
“Oltre a me – prosegue Pezzopane – dovevano essere colpiti il presidente emerito Giorgio Napolitano e gli ex presidenti della Regione Abruzzo Ottaviano Del Turco e Gianni Chiodi. L’operazione aveva già portato all’arresto di una ventina di persone a partire dal 2014. All’inizio di questa vicenda dolorosa, mi sembrava impossibile potesse riguardare anche me. Invece nel complesso, grazie all’impegno e lavoro degli inquirenti e dei magistrati, che ringrazio, le indagini hanno portato alla luce una centrale sovversiva che pianificava agguati ed attentati. E’ allarmante scoprire come gli esponenti politici e le istituzioni stesse possano essere sempre oggetto di azioni criminali, che per fortuna vengono sventate dalla competenza e dall’efficienza delle nostre forze dell’ordine e dalle autorità giudiziarie”.

L'autore

Gigliola Edmondo
Laureata in Lettere Moderne e in Giornalismo medico- scientifico con lode, è iscritta all’Ordine dei giornalisti, elenco Pubblicisti dal 1995. Esercita l’attività giornalistica dal 1985 occupandosi di cronaca, politica, economia, medicina, cultura e spettacoli. E’ appassionata di canto, musica, letteratura, cinema, teatro e pratica volontariato.

Sii il primo a commentare su "L’Aquila: terrorismo, condannato Stefano Manni"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*