L’Aquila e Amatrice vicine per distanza e per cuore

Il terremoto genera un legame doppio e molto stretto: L’Aquila e Amatrice sono vicine per distanza e per cuore. L’asse tra le zone colpite dal terremoto del 2009 e quelle devastate oggi è fraterno e operativo.

A sette anni dai suoi 309 morti L’Aquila e tutto il Cratere oggi rivivono quei momenti, ma nello stesso tempo si rimboccano le maniche per aiutare i vicini che l’altra notte, più meno alla stessa ora del 6 aprile 2009, hanno visto case e affetti sbriciolati dal sisma. Tutti i cittadini aquilani, a cominciare dal primo, il sindaco Cialente, abbracciano idealmente le comunità reatina e marchigiana colpite dal terremoto. Il sindaco Cialente, il presidente del Consiglio comunale Carlo Benedetti, l’assessore alla ricostruzione Pietro Di Stefano e tanti semplici cittadini ieri sono stati tra i primi ad arrivare ad Amatrice.
Anche la Asl provinciale dell’Aquila si è messa a disposizione attivando il ponte sanitario servito per agevolare il flusso continuo di feriti, circa 44 quelli arrivati da Amatrice, arrivati in elicottero e in ambulanza al’ospedale San Salvatore. Tra questi anche un uomo di 107 anni ricoverato in rianimazione.

“Tutte le nostre strutture del territorio – ha detto il direttore generale della Asl dell’Aquila, Rinaldo Tordera – sono al servizio dell’emergenza”.

Complessivamente, la Asl ha messo a disposizione 60 posti letto, di cui 29 per l’area chirurgica, 20 per quella medica, il resto per altre discipline; 4 posti letto per rianimazione. Per fare fronte alle emergenze è stata anche sospesa tutta l’attività chirurgica programmata. Nel Comune di Montereale, vicinissimo al confine con il Lazio, è stato allestito un posto medico avanzato per i codici bianchi e gialli, meno gravi: l’obiettivo è quello di decongestionare il carico di lavoro che si riversa sull’ospedale. L’organizzazione dei soccorsi coinvolge anche gli ospedali di Avezzano e Sulmona. Intanto il Comune dell’Aquila ha riservato agli sfollati di Amatrice 250 alloggi prefabbricati e antisismici del progetto Case, gli stessi che hanno ospitato gli aquilani all’indomani del sisma del 2009. Anche gli albergatori aquilani hanno offerto aiuto:

“Nei limiti della loro ricettività disponibile – si legge in una nota di Federalberghi – e per contraccambiare il sostegno morale e materiale ricevuto dagli italiani durante il sisma del 2009, metteranno a disposizione le loro stanze alle popolazioni colpite dal sisma 2016”.

Nelle parrocchie aquilane è già in corso la raccolta di beni di prima necessità. Mobilitati anche gli uffici speciali della Ricostruzione, quello dell’Aquila (Usra) e quello dei Comuni del cratere (Usrc), pronti a trasferire il “modello L’Aquila” ai vicini di sventura.

L'autore

Marina Moretti
Nata a Pescara, dopo la maturità classica ha svolto diversi lavori in ambito culturale, artistico e teatrale per poi dedicarsi completamente al giornalismo, sia giornali che radio e tv. Giornalista pubblicista dal 1996, è professionista dal 2010. Come redattore di Rete8, dal 2001, si occupa di diversi settori, con particolare interesse per quello culturale. Ha da poco aperto un blog di fotografie skybycarphotos.

Sii il primo a commentare su "L’Aquila e Amatrice vicine per distanza e per cuore"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*