Lanciano: guida per 80 Km fino in ospedale dopo un incidente

Lanciano: guida per 80 Km fino in ospedale dopo un incidente, ora é ricoverato in condizioni molto gravi. La vittima un motociclista frentano.

Ha dell’incredibile la storia di un centauro di Lanciano che dopo essere rimasto vittima di un incidente a Roccaraso é rimontato sulla sua moto ed ha guidato per 80 chilometri fino all’ospedale Renzetti dove i medici gli hanno riscontrato oltre alla rottura della milza, anche una serie di fratture toraciche ed un’emorragia interna, tanto da essere costretti ad effettuare un’operazione chirurgica urgente. Ora é ricoverato in condizioni gravissime nel reparto di rianimazione. Sul misterioso episodio indagano i carabinieri, quelli di Roccaraso dopo aver ricevuto la segnalazione dai colleghi di Lanciano. Non é escluso che l’uomo abbia perso il controllo della sua moto e sia caduto e che quindi non siano coinvolti altri mezzi. In un primo momento avrà pensato di non essersi fatti poi così male, ma giunto a Lanciano sarà stato così forte il dolore da indurlo a ricorrere alle cure mediche. Dopo l’intervento é stato trasportato al reparto di rianimazione dell’ospedale di Chieti.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Lanciano: guida per 80 Km fino in ospedale dopo un incidente"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*