L’abruzzese Colasanti sul podio del Teatro Petruzzelli

colasantimaurizio

 Il direttore d’orchestra abruzzese Maurizio Colasanti il prossimo 5 luglio salirà sul podio per dirigere l’orchestra sinfonica del teatro Petruzzelli di Bari.

E’ un direttore affermato a livello internazionale ma si prepara con emozione a dirigere l’Orchestra Sinfonica del Teatro Petruzzelli di Bari. Il prossimo 5 luglio sarà sul podio per eseguire l’Ouverture in Re maggiore, op.43/G. 521 di Luigi Boccherini, il Concerto per violoncello n.1 in la minore op. 33 di Camille Saint-Saëns e la Sinfonia n.5 in Si bemolle maggiore D. 485di Franz Schubert. Il maestro Maurizio Colasanti, protagonista anche al massimo barese, si conferma ambasciatore della Cultura della Abruzzese eportando ai poiu alti livelli il nome Abruzzo e quello di Chieti, città da cui proviene. Definito in toni elogiativi da alcuni tra i più eminenti critici musicali Italiani come Domenico Del Nero, Nicola Sbisà, Monica Prusak, “Maurizio Colasanti è quello che si può davvero definire un musicista, dunque, di cui in Italia si può essere davvero orgogliosi.” Il maestro Colasanti ha iniziato a cinque anni lo studio della musica a Pretoro con il maestro De Renzis che, riconoscendone le doti musicali gli ha fatto tenere il primo concerto solistico con la banda del suo paese all’età di 7 anni. In seguito ha studiato al Conservatorio di musica di Pescara dove si è diplomato con il massimo dei voti e lode. Successivamente si è laureato in Filosofia con il massimo dei voti e  lode. Studia composizione a Ginevra e Vienna. E’ stato  protagonista presso alcune delle più importanti istituzioni concertistiche italiane ed internazionali: Seoul Philarmonic Orchestra, Teatro dell’Opera di Roma, St.Martin in The Fields, Royal Accademy of Music, Orchestra Sinfonica Siciliana,Teatro Lirico di Cagliari, Finnish Symphony Orchestra, Orchestra Sinfonica di San Remo, Miami Symphony Orchestra, Karnten Simphonieorkester, Solisti del Teatro alla Scala di Milano, Illinois Symphony, Minas Gerais Symphony Orchestra, Villa Lobos Symphony Orchestra, Orchestra Sinfonica di San Remo, Carnegie Hall, Melba Hall, Seoul Opera House, New England Symphony Orchestra, Lithuanian Chamber Orchestra, Deutsches Kammer Orchester, Orchestra Sinfonica Porto Alegre, Nancy Philarmonic, Camerata Istropolitana Bratislava. Già direttore principale e direttore artistico di Orchestre e Festival in Italia, Brasile, USA e Finlandia, Colasanti dopo il debutto sul podio del Petruzzelli nel corso del 2016 è atteso a Chicago per dirigere la Messa da Requiem di Verdi, Cina per Aida, Praga e Bratislava sul podio di una delle orchestre più antiche e prestigiose del vecchio continente, la Czech Philarmonic Orchestra. Oltre al vino Colasanti è un altro “prodotto” abruzzese da esportazione.

L'autore

Gigliola Edmondo
Laureata in Lettere Moderne e in Giornalismo medico- scientifico con lode, è iscritta all’Ordine dei giornalisti, elenco Pubblicisti dal 1995. Esercita l’attività giornalistica dal 1985 occupandosi di cronaca, politica, economia, medicina, cultura e spettacoli. E’ appassionata di canto, musica, letteratura, cinema, teatro e pratica volontariato.

Sii il primo a commentare su "L’abruzzese Colasanti sul podio del Teatro Petruzzelli"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*