La camorra nella ricostruzione: Tanta solidarietà per Don Gatto

La camorra nella ricostruzione: Tanta solidarietà per Don Gatto a Tempera dopo che il sacerdote nei giorni scorsi ha denunciato di aver ricevuto minacce da personaggi interessati agli appalti in zona.

Nella giornata di ieri Don Giovanni Gatto, giovane sacerdote originario di Montebelluna, ma da anni parroco a Tempera, ha avuto un lungo colloquio con i carabinieri nel quale ha raccontato nei minimi dettagli da quanto tempo ed in che modo qualcuno sta facendo pressione nei suoi confronti. Il tutto sarebbe iniziato nel 2011, con i primi contatti, sempre respinti, poi la ricerca di un sostegno attraverso l’associazione Libera ed il Gico della Guardia di Finanza che, grazie alle sue indicazioni, é riuscita ad arrestare uno di questi personaggi per traffico di droga. Qualche settimana fa un paio di questi personaggi si sono ripresentati nella canonica di Padre Giovanni Gatto, dopo che nei giorni precedenti aveva ricevuto anche diverse telefonate minatorie. Molti gli attestati di solidarietà e di sostegno a Don Gatto, principalmente dai suoi fedeli, ma anche, in particolare, dall’arcivescovo de L’Aquila Mons. Petrocci che lo ha esortato ad andare avanti per questa strada.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "La camorra nella ricostruzione: Tanta solidarietà per Don Gatto"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*