Immigrati in Abruzzo: la Regione presenta il conto

immigrati-stranieri-extracomunitari

873 mila euro, a tanto ammonta la cifra impegnata dalla Regione per le cure agli immigrati senza permesso di soggiorno. Una delibera chiede il rimborso dallo Stato.

Lo scorso aprile il Ministero della Salute, all’epoca ancora in capo all’ex ministro Lorenzin, aveva inviato una nota alla Regione invitandola a quantificare le spese sostenute per l’assistenza sanitaria garantita per gli stranieri senza permesso di soggiorno, riferita a prestazioni urgenti e comunque essenziali. A distanza di quasi due mesi, con una specifica delibera, la Regione presenta il conto. Il periodo di riferimento é quello tra il 2011 ed il 2016 e la cifra é di 873 mila euro, tanti sono i soldi che la Regione ha anticipato e che deve avere indietro. Cambia però il riferimento, non più Beatrice Lorenzin, ma il neo ministro alla salute Giulia Grillo. Guardando al particolare, spicca la Provincia di Pescara dove sono stati spesi oltre 500 mila euro in questi sei anni, mentre il picco di spesa si é registrato nel 2015 con oltre 300 mila euro, tutto il resto, invece, spalmato nelle altre annualità. Si attende ora una risposta dal Ministero.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Immigrati in Abruzzo: la Regione presenta il conto"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*