I nomi delle famiglie di San Salvo

piazza-san-vitale-san-salvo

Sui  nomi delle famiglie di San Salvo è stato compiuto uno studio che sarà presentato domani nell’ambito della “Settimana della Cultura 2016”.

Uno studio sui nomi delle famiglie di San Salvo che nasce dalla collaborazione tra il ricercatore Paolo Calvano e l’assessore Giovanni Artese. Sarà presentato domani , presso la casa della cultura-porta della terra. Il progetto, grazie alle fonti documentarie degli archivi parrocchiali, ha consentito di svolgere uno studio genealogico delle principali famiglie di San Salvo.

Emerge che “L’abitato di San Salvo, tra il 1742 e il 1846, ha visto la sua comunità crescere e trasformarsi significativamente. Dai circa 500 residenti della prima metà del Settecento il paese è infatti passato ai circa 1.700 residenti del 1846, un’impennata demografica che si spiega non solo con il miglioramento economico, alimentare e dell’igiene pubblica e privata ma soprattutto con la crisi dell’economia transumantica e la consistente migrazione di individui e famiglie dalle località della media-alta montagna (come Archi, Orsogna, Casoli, Guardiagrele, Fossaceca di Lanciano e di Campobasso, Montazzoli, Guilmi,  Carpineto, Furci, San Buono ecc.) e della prossima area collinare (Montenero, Monteodorisio, Cupello e Vasto) in direzione della costiera pianeggiante di San Salvo. Delle famiglie “salvanesi” del ‘700 e della prima metà dell’800 tuttavia ben poco si conosce, se non le scarne notizie reperibili nei due libri della Storia di San Salvo di don Cirillo Piovesan e di Giovanni Artese “.

 

 

L'autore

Gigliola Edmondo
Laureata in Lettere Moderne e in Giornalismo medico- scientifico con lode, è iscritta all’Ordine dei giornalisti, elenco Pubblicisti dal 1995. Esercita l’attività giornalistica dal 1985 occupandosi di cronaca, politica, economia, medicina, cultura e spettacoli. E’ appassionata di canto, musica, letteratura, cinema, teatro e pratica volontariato.

Sii il primo a commentare su "I nomi delle famiglie di San Salvo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*