Gran Sasso Teramano, un’estate in ripresa

La montagna del Gran Sasso nel versante del teramano, a piccoli passi, sta recuperando l’importanza che aveva perso negli anni.

Un recupero reso possibile anche grazie ai lavori di messa in sicurezza della strada che porta agli impianti di Prati di Tivo e Prato Selva, ma anche alla funzionamento costante degli impianti di risalita. Particolarmente importante risulta la cabinovia della “Madonninna” che permette di arrivare a quota 2028 metri . La stagione estiva, fino ad oggi, ha fatto registrare buoni numeri per la presenza di turisti; il dato definitivo si avrà solo nel mese di settembre, dunque il periodo clou deve ancora arrivare. Proprio in vista del ferragosto sono stati programmati numerosi eventi in programma per queste settimane. Afferma il presidente della Gran Sasso Teramano Marco Bacchion:

“La stagione estiva sta andando bene anche se il tempo non ha aiutato molto, ma siamo molto fiduciosi per il ferragosto, periodo in cui sono stati organizzati numerosi eventi a partire dal 7 di questo mese. La nostra montagna piace e stiamo facendo di tutto per valorizzarla, la messa in sicurezza della strada ha dato senza ombra di dubbio un grande slancio per la ripresa, ora la palla passa agli operatori del settore turistico che devono lavorare in sinergia per il bene dell’economia della montagna”.

L'autore

Federico Di Luigi
Nato a Teramo, iscritto all’albo dei giornalisti dal 2010, in questo anno inizia il lavoro di giornalista presso la redazione dell’emittente televisiva TVSei, nel 2012 entra a far parte come giornalista ed amministratore di un nuovo progetto editoriale “Latv dell’Adriatico” carica che a tutt'oggi ricopre. Dal 2013 lavora con Rete8 ricoprendo il ruolo di responsabile della redazione giornalistica di Teramo

Sii il primo a commentare su "Gran Sasso Teramano, un’estate in ripresa"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*