Gran Sasso, subito un sistema di sicurezza della Ruzzo

Riunione dell’Assi organizzata in Provincia per fare il punto sulla situazione, dopo l’emergenza acqua non potabile lanciata il 9 maggio scorso.

Durante l’incontro è stato dichiarato che saranno messi in campo tutti i controlli possibili sull’acqua con sonde e macchinari specifici che saranno acquistati dall’Ato e dalla società  Ruzzo. Inoltre saranno intensificati i controlli sulla rete e sulle captazioni del Gran Sasso da parte di Asl, Arta e Ruzzo per dare maggiore certezza di qualità agli utenti. Una riunione con tutti i sindaci interessati dalla vicenda.

Per il Vicepresidente della Regione Giovanni Lolli  “Questo è un problema serio che va affrontato senza allarmismi. Sono disponibile a tutti gli incontri che saranno organizzati per piena trasparenza. L’autostrada è importante anche per le imprese produttive. Allora fu fatta questa scelta; per l’epoca non si poteva fare altrimenti, poi fu fatto il laboratorio. Con una sonda si potrà prendere l’acqua senza interferenze con il laboratorio. Tutto questo avrà un costo che sarà a carico del laboratorio del Gran Sasso”.

IL SERVIZIO DEL TG8:

L'autore

Federico Di Luigi
Nato a Teramo, iscritto all’albo dei giornalisti dal 2010, in questo anno inizia il lavoro di giornalista presso la redazione dell’emittente televisiva TVSei, nel 2012 entra a far parte come giornalista ed amministratore di un nuovo progetto editoriale “Latv dell’Adriatico” carica che a tutt'oggi ricopre. Dal 2013 lavora con Rete8 ricoprendo il ruolo di responsabile della redazione giornalistica di Teramo

Sii il primo a commentare su "Gran Sasso, subito un sistema di sicurezza della Ruzzo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*