Giorno del Ricordo: Le celebrazioni a palazzo dell’Emiciclo

Giorno del Ricordo: Le celebrazioni a palazzo dell’Emiciclo a L’Aquila volute dal Presidente del Consiglio Regionale Di Pangrazio, in memoria delle vittime dell’esodo degli istriani, fiumani e dalmati e delle vittime delle Foibe.

Inizio previsto per le ore 10.00 di domani 10 febbraio, con una relazione introduttiva del presidente Giuseppe Di Pangrazio, a seguire alcuni interventi musicali con brani di Respighi, Donizetti e Tiersen eseguiti da beatrice Dionisi e Letizia Martinangeli. Sarà quindi la volta del Prof. David Adacher dell’Istituto della Resistenza e della Storia Contemporanea, il quale terrà una relazione storica, seguita dalle testimonianze di Mario Diracca , presidente regionale dell’Associazione Esuli Giuliano-Dalmati, e gli interventi di un consigliere regionale di maggioranza ed uno di minoranza. Previsto anche un momento dedicato agli studenti che hanno partecipato al progetto “La Shoah e le Foibe”. La Manifestazione si concluderà con la presentazione del programma del viaggio di studio “La Shoah e le Foibe” da parte del Prof. Carlo Fonzi dell’Istituto Abruzzese per la storia e la resistenza e dell’Italia Contemporanea.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Giorno del Ricordo: Le celebrazioni a palazzo dell’Emiciclo"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*