Furbetti del cartellino a Sulmona: un indagato si toglie la vita

Furbetti del cartellino a Sulmona: un indagato si toglie la vita. Il dipendente comunale Luigi Paolini si é impiccato questa mattina nel suo garage.

Paolini era coinvolto nell’inchiesta sull’assenteismo nel comune di Sulmona . L’uomo è stato trovato impiccato in garage questa mattina presto dal figlio della compagna. L’inchiesta, partita alcuni mesi fa, vede coinvolti 49 dipendenti di cui 5 lavoratori delle cooperative che svolgono servizi per conto del Comune. A 25 di loro, tra cui Paolini, la Corte dei Conti ha contestato nei giorni il danno erariale. All’uomo sono state contestate delle timbrature fatte per conto della sua responsabile e un danno di 55 euro a cui il sostituto procuratore della Corte dei conti titolare dell’indagine, ha aggiunto la richiesta di altri 15mila euro per il danno all’immagine. Sulla vicenda la squadra anticrimine del commissariato ha avviato un’inchiesta. Da quanto si è appreso nel corso del sopralluogo effettuato nel garage teatro della tragedia, la polizia non avrebbe trovato alcun messaggio. E’ in corso una riunione tra il sindaco Annamaria Casini e tutti i dipendenti comunali, quasi certamente per la giornata di oggi saranno sospese tutte le attività amministrative.

Sii il primo a commentare su "Furbetti del cartellino a Sulmona: un indagato si toglie la vita"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*