Frammenti di “Tiangong 1” : rischi per l’Abruzzo?

Sarebbero bassi i rischi per l’Abruzzo circa la caduta di frammenti della Stazione spaziale orbitante cinese, ” “Tiangong 1”, di cui è stato perso il controllo. La Protezione Civile ha, comunque, lanciato l’allarme.

La prudenza non è mai troppa e , pertanto, è bene sapere che esiste la possibilità che sul pianeta Terra possano cadere frammenti della stazione orbitante cinese di cui è stato perso il controllo. La Protezione civile nazionale ha diramato l’allarme anche in Abruzzo poichè il raggio d’impatto include anche zone degli Stati Uniti d’America,  del Brasile, dell’India, della  Cina e dell’ Italia e  in particolare l’area centro-meridionale della Penisola, dall’Emilia Romagna verso il sud. Nei giorni scorsi la notizia aveva avuto una eco diversa.

La Protezione Civile ricorda che, secondo i calcoli degli scienziati, eventuali frammenti della “Tiangong 1” che resisteranno all’attrito con l’atmosfera potrebbero raggiungere la Terra tra il 28 marzo e il 4 aprile. In questo caso che cosa bisogna fare?

1- è poco probabile che i frammenti causino il crollo di edifici, che , pertanto, sono da considerarsi più sicuri rispetto ai luoghi aperti. Si consiglia, comunque, di stare lontani dalle finestre e porte vetrate;

2-  i frammenti impattando sui tetti degli edifici potrebbero causare danni, perforando i tetti stessi e i solai sottostanti, così determinando anche pericolo per le persone: pertanto, non disponendo di informazioni precise sulla vulnerabilità delle singole strutture, si può affermare che sono più sicuri i piani più bassi degli edifici;

3-  all’interno degli edifici i posti strutturalmente più sicuri dove posizionarsi nel corso dell’eventuale impatto sono, per gli edifici in muratura, sotto le volte dei piani inferiori e nei vani delle porte inserite nei muri portanti (quelli più spessi), per gli edifici in cemento armato, in vicinanza delle colonne e, comunque, in vicinanza delle pareti;

4- è poco probabile che i frammenti più piccoli siano visibili da terra prima dell’impatto;

5-  alcuni frammenti di grandi dimensioni potrebbero sopravvivere all’impatto e contenere idrazina. Si consiglia, in linea generale, che chiunque avvistasse un frammento, senza toccarlo e mantenendosi a un distanza di almeno 20 metri, dovrà segnalarlo immediatamente alle autorità.

Sii il primo a commentare su "Frammenti di “Tiangong 1” : rischi per l’Abruzzo?"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*