Ferrhotel Pescara: lettera aperta al sindaco

Ferrhotel Pescara: lettera aperta al sindaco da parte del comitato “Pescaratutela/Selfie” sulle lapidi collocate di fronte la parete centrale.

Alla luce della notizia di un bando per il reperimento di risorse che trasformeranno la storica struttura del Ferrhotel in C.So Vittorio Emanuele in una casa per gli studenti, il Comitato per la tutela degli otto luoghi identitari di Pescara coordinato da Licio Di Biase segnala la necessità di salvaguardare le due lapidi  collocate a fianco dell’ingresso principale. Su una sono riportati i nomi delle vittime del bombardamento austriaco del 4 maggio 1917, l’unico momento in cui la nostra realtà locale, all’epoca ancora Castellamare, venne interessata dalle vicende della Grande Guerra. I tre nomi (Giuseppina D’Emilio, Giulia D’Agostino e Massimo Valentini) non sono più leggibili. L’altra lapide alla memoria di Cesare Battisti:

“Riteniamo – scrive il Comitato – che le due lapidi vadano salvaguardate nei lavori di ristrutturazione, prevedendo ciò nel bando di gara; inoltre é opportuno un intervento per un immediato ripristino della leggibilità, in modo che il 4 maggio del 2017 si possano ricordare le vittime di quel bombardamento ed il 3 giugno celebrare il centenario della loro collocazione”.

L'autore

Luca Pompei
Luca Pompei 50 anni nato a Pescara, inizia il lavoro di giornalista nel 1986 collaborando con un settimanale "La Nuova Gazzetta". Nel 1987 comincia a lavorare in televisione collaborando con la redazione sportiva dell' emittente TVQ. Riesce a conciliare lavoro e studio collaborando anche con altre emittenti come Rete8, Telemare, Tele Abruzzo Regionale e nel 1994 si laurea in Lingue e Letterature Straniere all'Università "G. d'Annunzio" con 110/110. Nel 1997 diventa giornalista professionista e nel 2005 pubblica il suo primo libro di racconti dal titolo "Leaves", nel 2016 il suo primo romanzo "La Talpa Muta". Tra le sue passioni anche la scrittura per il teatro con una serie di Monologhi messi in scena dalla Compagnia della Memoria.

Sii il primo a commentare su "Ferrhotel Pescara: lettera aperta al sindaco"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*