Fanghi dal porto di Ortona: i sedimenti non saranno sversati in mare

La Regione ha disposto la sospensione dell’autorizzazione dell’immersione in mare dei sedimenti che deriveranno dal dragaggio del porto di Ortona.

Lo ha confermato a Teramo oggi, nel corso di un incontro in Provincia, il vice presidente della Regione Giovanni Lolli il quale ha illustrato la determina regionale (numero 40 del 21 febbraio scorso) con cui è stata adottata la sospensione dell’autorizzazione. Presenti al tavolo di lavoro il presidente dell’Amministrazione provinciale Renzo Di Sabatino, il presidente Leone Cantarini e i rappresentanti dell’Area marina protetta della Torre di Cerrano, dei Comuni di Pineto, Silvi e Città Sant’Antangelo oltre ai soci del consorzio dell’area marina, l’Istituto Zooprofilattico e la Provincia, il consigliere regionale Luciano Monticelli, la presidente dell’IZS Manola Di Pasquale.

In una nota della Provincia di Teramo si legge che  “è tramontata ogni ipotesi di versamento dei sedimenti a mare. Ci sono soluzioni alternative che non mettono in discussione gli interventi sull’area portuale. Tutti i presenti hanno concordato sull’opportunità di accantonare ogni ipotesi di versamento a mare dei sedimenti provenienti dal dragaggio del porto di Ortona considerato che esistono ipotesi alternative percorribili che sono già al vaglio dei tecnici. Il vicepresidente Lolli accompagnato dal dirigente regionale, Franco Gerardini, ha, quindi, illustrato la determina regionale numero 40 del 21 febbraio con la quale si è già adottata la sospensione dell’autorizzazione per la parte dell’immersione in mare dei sedimenti. Nel corso della riunione è stato ribadito il valore strategico del porto di Ortona e la necessità di procedere con i lavori di dragaggio così come è stato più volte confermato che i sedimenti non hanno alcuna contaminazione ambientale e che la decisione assunta scaturisce da ragioni di carattere precauzionale ovvero di massima tutela ambientale del sito di interesse comunitario costituito dalla riserva marina”.

Sii il primo a commentare su "Fanghi dal porto di Ortona: i sedimenti non saranno sversati in mare"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*