Falsi di Pistoletto: condannato noto gallerista pescarese

Due anni e due mesi: e’ la condanna inflitta dal Tribunale monocratico di Pescara ad un noto gallerista del posto per avere riprodotto, contraffatto e posto in vendita alcune opere, denominate Frattali, di Michelangelo Pistoletto.

A giudizio dell’accusa, l’imputato avrebbe realizzato, autenticato e venduto circa un centinaio di Frattali, che furono sequestrati in varie regionali d’Italia nel periodo di tempo compreso tra il 2011 e il 2016. Tre opere sarebbero state rinvenute, nel 2016, anche nella galleria pescarese riconducibile all’imputato. L’artista aveva esposto i Frattali a Pescara, nella sua galleria , nel 2000. In seguito alla richiesta del gallerista, aveva realizzato un’altra quindicina di opere, autenticandole sul momento. Poi, pero’, a Pistoletto arrivarono segnalazioni di molte altre opere in circolazione, che, dopo alcune verifiche, risultarono false. Il gallerista e’ stato anche condannato al risarcimento dei danni in favore di Michelangelo Pistoletto.

Sii il primo a commentare su "Falsi di Pistoletto: condannato noto gallerista pescarese"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*