Falsi certificati malattia, a giudizio mamma, figlio e psichiatra

certificati-malattia-falsi

Falsi certificati per malattia, a giudizio, a L’Aquila, madre, figlio e psichiatra. La denuncia era stata presentata da un imprenditore

Con l’accusa di concorso in truffa e falso ideologico commesso in atti pubblici, il sostituto procuratore della Repubblica dell’Aquila, Simonetta Ciccarellli, ha disposto la citazione a giudizio nei confronti della professoressa Rita Roncone, nella sua qualita’, all’epoca dei fatti, di medico presso il servizio psichiatrico universitario di diagnosi e cura della Asl del capoluogo, Francesca Romana Cerqua e il figlio Matteo Attardi, oggi 24enne. Il processo e’ stato fissato al prossimo 26 gennaio. Le indagini hanno mirato a fare luce su presunti fittizi certificati medici attestanti malattie inesistenti a carico del giovane, dipendente, nel 2012, di una societa’ di costruzioni aquilana con l’obiettivo di fargli ottenere “un ingiusto profitto, con artifici e raggiri, consistito nella percezione indebita dello stipendio senza aver prestato la corrispondente attivita’ lavorativa, con pari danno della persona offesa”, ovvero il titolare della societa’ edile.

Gli accertamenti sono stati condotti dai carabinieri a seguito della denuncia querela presentata dall’imprenditore nel marzo 2013 che nell’esposto aveva ravvisato una truffa ai suoi danni. In particolare ascoltato dal suo ex datore di lavoro, Attardi – secondo quanto venne riportato nella denuncia – aveva sostenuto che i certificati non erano mai stati da lui richiesti, lo aveva fatto la madre, e non era stato visitato da alcuno. Il titolare della societa’ deposito’ ai militari dell’Arma i tre certificati medici pervenutigli che attestavano patologie per le quali erano stati necessari in totale 45 giorni di malattia suddivisi in tre tranche: il primo certificato datato 14 aprile 2012 (20 giorni), il secondo 17 maggio (10 giorni), il terzo il 15 ottobre (15 giorni). A redigere quei certificati era stata la professoressa Rita Roncone, amica della madre del giovane. Sarebbe stata quest’ultima, poi, a consegnare i certificati medici del figlio direttamente al datore di lavoro. Nell’esposto, tra l’altro, veniva segnalato come la societa’ versasse in una situazione economica problematica e pertanto avrebbe subito un grave danno per versamento di somme altrimenti non dovute.

L'autore

Antonella Micolitti
E' nata e vive a Pescara. Si è laureata con lode in Lettere, all'Università d'Annunzio di Chieti. Giornalista professionista dal 2007, si occupa principalmente di politica, sociale, attualità, costume. E' appassionata di storia e storia dell'arte bizantina e astronomia, strimpella il pianoforte e le piace il mare d'inverno. Ama Luigi Tenco e le sue canzoni ma le piace ascoltare anche Jovanotti, quello meno conosciuto con i suoi brani più belli. Adora la Grecia e la Russia e le rispettive lingue. Il suo obiettivo è raccontare il volto più curioso e nascosto dell'Abruzzo. Suggeritele le vostre storie. Scrivete alla mail "[email protected]" o "[email protected]". Sarà lieta, per quanto possibile, di darvi voce e spazio, perché la televisione la fate voi con noi.

Sii il primo a commentare su "Falsi certificati malattia, a giudizio mamma, figlio e psichiatra"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*