False assunzioni Uda: chiusa l’inchiesta

università d'annunziouniversità d'annunzio

Chiusa l’inchiesta sulle false assunzioni all’Università d’Annunzio di Chieti- Pescara nell’ambito della quale sono state arrestate 6 persone.

Promettevano posti fantasma all’Università d’Annunzio di Chieti Pescara in cambio di denaro. Il pm Giuseppe Falasca ha chiuso l’inchiesta per sei persone accusate a vario titolo di reati che vanno dal millantato credito, alla truffa, al falso, alla sostituzione di persona. Si tratta di  Marco Marino, 54 anni di Ortona, della sorella Patrizia, di 55 anni, impiegata al Dsb di Ortona e della figlia della donna, Pamela Magno, 32 anni. Il dirigente dell’Arta ed ex direttore amministrativo della Asl ortonese, Luciano Di Odoardo, di 69 anni ,Maria Concetta Vadini, ortonese di 55 anni, e Lino Cantillo D’Arcangelo, 59 anni ex vice sindaco di Casalincontrada, responsabile della mensa dell’ospedale di Chieti .Con la vendita di posti fantasma all’Università sarebbero stati truffati ben 100mila euro. Una cifra lievitata nel giro di pochi mesi supportata dalla testimonianza di nuove vittime, circa una quindicina anche se è possibile che altre persone non abbiano denunciato le truffe subite .

L'autore

Gigliola Edmondo
Laureata in Lettere Moderne e in Giornalismo medico- scientifico con lode, è iscritta all’Ordine dei giornalisti, elenco Pubblicisti dal 1995. Esercita l’attività giornalistica dal 1985 occupandosi di cronaca, politica, economia, medicina, cultura e spettacoli. E’ appassionata di canto, musica, letteratura, cinema, teatro e pratica volontariato.

Sii il primo a commentare su "False assunzioni Uda: chiusa l’inchiesta"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato


*